Pubblicità

Dubbio su rapporto anale (109073)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 45 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anastasia 37

Ho un grosso problema, che sta mettendo in crisi il mio matrimonio. Sono o ero, non lo so più, felicemente sposata. Mio marito, più o meno dopo due anni di matrimonio, inizia a chiedermi di avere un rapporto anale. Io mi rifiuto. La cosa continua ed io non riesco ad accettarlo. La mia domanda è questa: è normale questo tipo di rapporto? Porta delle complicanze nel corpo della donna? Il muscolo sotto questione subisce dei danni? Vi prego aiutatemi. Anastasia.

Cara Anastasia, il rapporto anale se avviene tra persone consenzienti fa parte delle pratiche sessuali che una coppia può mettere in atto. Le donne generalmente non hanno simpatia per questa pratica, gli uomini, al contrario, la trovano molto eccitante in quanto la muscolatura anale consente una stimolazione molto intensa. Per la donna non è altrettanto piacevole, infatti, sono poche le donne che lo praticano con soddisfazione. Il coito anale non produce danni fisici, ma se da parte tua oltre a questo tipo di paura esiste anche un blocco psicologico difficilmente riuscirai a rilassare la muscolatura anale tanto da consentire la penetrazione in modo indolore. La cosa migliore sarebbe di spiegare a tuo marito le tue difficoltà così da trovare insieme un approccio soft che ti consenta di superare i tuoi timori. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

Pubblicato in data 21/10/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

News Letters

0
condivisioni