Pubblicità

eccitazione difficoltosa e fastidio vaginale (145358)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 28 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Antonio 25

Buon giorno,vorrei sapere se è normale per la mia ragazza, 22 anni, mai masturbata ne provato eccitazione prima di conoscermi, che provi fastidio se tento di infilare gentilmente il dito in vagina, anche se è bagnata. potrebbe essere anche un fatto di tensione? abbiamo provato diverse volte ma il fastidio è avvertito immediatamente, ed in questi casi l'eccitazione è impensabile. cosa che avviene già di rado, ma con un po più di successo con il petting o con la stimolazione orale (anche se in quel caso tende a farle troppo solletico.. ma credo sia questione di tecnica da parte mia.. poi sempre meglio che il fastidio..) cosa possiamo fare per risolvere questo problema? ammesso che lo sia. Grazie.

Caro Antonio,nel momento in cui ne parla e chiede, certo che è un problema, per voi lo è! O meglio,per lei lo è, non so se la sua ragazza lo avverte come tale. Del resto, è lei Antonio che ci scrive. Lei parla di “problema di tecnica”. In realtà, non è quasi mai un problema di tecnica, non esiste una tecnica, ma una serie di gesti, condivisi in due ed individuati in una specifica coppia. Poi certo, una certa esperienza aiuta ad essere più sciolti e consapevoli, ma non è poi così fondamentale.Qui però, mi sembra che il problema sia ancora a monte, ci sia più una difficoltà di eccitazione e soprattutto di desiderio.
Il desiderio è qualcosa di più articolato e complesso, è legato a molti fattori, fra cui la relazione, la motivazione, la spinta e le convinzioni sulla relazione e sulla sessualità, gli stereotipi, le limitazioni religiose, morali, le paure, ecc.L’eccitazione poi deriva dal desiderio, dall’attrazione verso l’altra persona, dalla fantasia e dalla stimolazione esterna (petting, stimolazione orale, ecc.). Ma, contrariamente a quanto spesso si pensa, la stimolazione corporea rappresenta solo una piccola parte del motore sessuale, in realtà prima di tutto parte da dentro di noi, dal desiderio appunto, da quel gioco di sensazioni scatenate dalla fantasia, dalla relazione con l’altro, dalla nostra motivazione verso l’atto stesso e la relazione.Certo, il fatto che la sua ragazza non abbia avuto esperienze precedenti di eccitazione, né di masturbazione, influenza notevolmente in questo approccio, che per lei è il primo. Lei è molto giovane, ma è anche vero che la maggior parte dei ragazzi e delle ragazze di quell’età, generalmente hanno già avuto esperienze anche solo masturbatorie.Per cui, c’è da chiedersi che paura c’è, che inibizione, quale visione di sé, della propria identità e dell’identità sessuata c’è, nella sua ragazza. Tutte queste componenti renderebbero ragione e darebbero un senso, a quanto sta capitando.
In linea generale, mi sembra che ci sia un’inibizione della sessualità e un pudore sia della sessualità in sé sia della propria fantasia e del desiderio. Questo rende difficile qualsiasi approccio e qualsiasi forma di contatto.Per cui, la prima cosa è capire se la sua ragazza percepisce questa limitazione e se avverte il desiderio di capire di più e di affrontare questi temi della sua vita. Sta a lei formulare una domanda e muovere in una qualche direzione, per trovare risposta.Se avvenisse questo passo, la prima cosa da fare sarebbe chiedere una consulenza psicologica, per verificare meglio da quale parte sta il problema e di che natura è. Quello che può fare lei Antonio, consiste nell’esplicitare i propri dubbi e timori, aspettando che anche la sua ragazza si esprima in merito e decida cosa vuol fare, rispetto alla propria situazione.Sotto lo stesso disagio, possono esserci componenti diverse, finchè non le andate a vedere più da vicino, è difficile comprendere fino in fondo cosa le stia capitando.In ogni caso, non c’è da preoccuparsi eccessivamente, siete molto giovani ed è questo il momento di evoluzione dell’immagine di sé come uomini e donne, come esseri sessuati adulti, che si avviano verso una sessualità più matura. E’ tipico di quest’età l’esplorazione e la comprensione di sé.
C’è infatti da ricordare che, l’anticipazione della sessualità in termini di età, rispetto alle generazioni precedenti, crea possibili intoppi proprio perché il corpo è maturo per una relazione sessuale, ma spesso la mente, il senso di identità, l’emotività non lo sono, per cui spesso si crea uno slittamento su questi fronti e si affronta un aspetto della vita, troppo presto rispetto a quanto si riesce ad elaborare.Può anche capitare che a quest’età si è ancora tanto presi da risolvere questioni di altra natura, legate alla famiglia, alla propria identità, al proprio futuro, alle relazioni in genere, che non c’è spazio per il desiderio, che richiede un minimo di stabilità, di giocosità e di “disponibilità” emotivo-mentale.Capita talvolta, che i due componenti della coppia si trovino in fasi diverse, rispetto a quest’evoluzione individuale e questo può creare difficoltà ed intoppi di relazione, a vari livelli, compreso quello sessuale.Adesso sta a voi, vedere cosa vi appartiene di più, quali sono le cause che rendono difficile questo vostro incontrarvi sul terreno della sessualità


(Risponde la Dott.ssa Sabrina Costantini)

Pubblicato in data 20/10/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

News Letters

0
condivisioni