Pubblicità

eiaculazione difficile (42915)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 319 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

G man, 24anni (7.9.2001)

Salve, il mio problema consiste nel fatto che durante un rapporto sessuale completo, ho difficoltà nell'eiaculare: potrei continuare anche per 3 quarti d'ora senza concludere...Dopo un tempo medio di durata(in cui sarebbe normalmente ora di eiaculare), mi sembra di star per venire, ma arrivato lì, non succede niente e continuo imperterrito.Dopo circa mezz'ora in questo modo, se tento di finire il rapporto con la masturbazione o la fellatio, sento come se stessi venendo, ma una volta fatto, quando guardo nel preservativo vedo solo urina mista a liquido seminale.
Poco dopo il desiderio sessuale ritorna e, magari con la masturbazione, riesco ad espellere tutto il liquido seminale accumulato...
Questo problema non si presenta quando la masturbazione o la fellatio sono le uniche pratiche della seduta.
P.s penso sia doveroso aggiungere che queste sono le mie prime esperienze di un rapporto completo.
Grazie.

Caro G man , il problema che ti affligge si chiama "eiaculazione ritardata" e le sue cause sono molteplici, ma tutte di natura psicologica. Capisci da te che -fuori del rapporto di copulazione- la tua sessualità funziona regolarmente e con opportuni stimoli riesci ad eaiuculare. Invece l'ostacolo si presenta quando devi "venire in vagina". Non ti anticipo le cause che possono sottendere il tuo problema ( per non "spuntare" armi molto utili ed efficaci in una terapia), ma ti consiglio vivamente di farti aiutare da un medico sessuologo o uno psicologo esperto in sessuologia, che -dopo attenta anamnesi ed accurata analisi del tuo immaginario sessuale- ti porti fuori dalle secche in cui ti trovi. Il rimedio c'é, ma non sottovalutare la difficoltà col "fai da te" inopportuno e , magari, cronicizzante.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Articolo 1 - Codice Deontologi…

Iniziamo il lungo viaggio fra gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani con il commento all'articolo 1, a cura di Catello Parmentola e di El...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

News Letters

0
condivisioni