Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

eiaculazione difficile (42915)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 262 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

G man, 24anni (7.9.2001)

Salve, il mio problema consiste nel fatto che durante un rapporto sessuale completo, ho difficoltà nell'eiaculare: potrei continuare anche per 3 quarti d'ora senza concludere...Dopo un tempo medio di durata(in cui sarebbe normalmente ora di eiaculare), mi sembra di star per venire, ma arrivato lì, non succede niente e continuo imperterrito.Dopo circa mezz'ora in questo modo, se tento di finire il rapporto con la masturbazione o la fellatio, sento come se stessi venendo, ma una volta fatto, quando guardo nel preservativo vedo solo urina mista a liquido seminale.
Poco dopo il desiderio sessuale ritorna e, magari con la masturbazione, riesco ad espellere tutto il liquido seminale accumulato...
Questo problema non si presenta quando la masturbazione o la fellatio sono le uniche pratiche della seduta.
P.s penso sia doveroso aggiungere che queste sono le mie prime esperienze di un rapporto completo.
Grazie.

Caro G man , il problema che ti affligge si chiama "eiaculazione ritardata" e le sue cause sono molteplici, ma tutte di natura psicologica. Capisci da te che -fuori del rapporto di copulazione- la tua sessualità funziona regolarmente e con opportuni stimoli riesci ad eaiuculare. Invece l'ostacolo si presenta quando devi "venire in vagina". Non ti anticipo le cause che possono sottendere il tuo problema ( per non "spuntare" armi molto utili ed efficaci in una terapia), ma ti consiglio vivamente di farti aiutare da un medico sessuologo o uno psicologo esperto in sessuologia, che -dopo attenta anamnesi ed accurata analisi del tuo immaginario sessuale- ti porti fuori dalle secche in cui ti trovi. Il rimedio c'é, ma non sottovalutare la difficoltà col "fai da te" inopportuno e , magari, cronicizzante.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

News Letters

0
condivisioni