Pubblicità

eiaculazione difficile (42915)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 287 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

G man, 24anni (7.9.2001)

Salve, il mio problema consiste nel fatto che durante un rapporto sessuale completo, ho difficoltà nell'eiaculare: potrei continuare anche per 3 quarti d'ora senza concludere...Dopo un tempo medio di durata(in cui sarebbe normalmente ora di eiaculare), mi sembra di star per venire, ma arrivato lì, non succede niente e continuo imperterrito.Dopo circa mezz'ora in questo modo, se tento di finire il rapporto con la masturbazione o la fellatio, sento come se stessi venendo, ma una volta fatto, quando guardo nel preservativo vedo solo urina mista a liquido seminale.
Poco dopo il desiderio sessuale ritorna e, magari con la masturbazione, riesco ad espellere tutto il liquido seminale accumulato...
Questo problema non si presenta quando la masturbazione o la fellatio sono le uniche pratiche della seduta.
P.s penso sia doveroso aggiungere che queste sono le mie prime esperienze di un rapporto completo.
Grazie.

Caro G man , il problema che ti affligge si chiama "eiaculazione ritardata" e le sue cause sono molteplici, ma tutte di natura psicologica. Capisci da te che -fuori del rapporto di copulazione- la tua sessualità funziona regolarmente e con opportuni stimoli riesci ad eaiuculare. Invece l'ostacolo si presenta quando devi "venire in vagina". Non ti anticipo le cause che possono sottendere il tuo problema ( per non "spuntare" armi molto utili ed efficaci in una terapia), ma ti consiglio vivamente di farti aiutare da un medico sessuologo o uno psicologo esperto in sessuologia, che -dopo attenta anamnesi ed accurata analisi del tuo immaginario sessuale- ti porti fuori dalle secche in cui ti trovi. Il rimedio c'é, ma non sottovalutare la difficoltà col "fai da te" inopportuno e , magari, cronicizzante.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

News Letters

0
condivisioni