Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Eiaculazione precoce (0000)

on . Postato in Sessualità | Letto 3 volte

Marika 44

Sono una donna di 44 anni aspetto giovanile, viva e vitale. sposata e madre di 2 bimbi. Sono sposata da 10 anni, e non riesco a trovare soddisfazione nel fare l'amore con mio marito. Il problema è legato alla sua inibizione e fretta. Il nostro contatto dura al massimo 15 minuti, poi silenzio e purtroppo a volte russa!! Il coito vero e proprio si esaurisce, per lui, in poche spinte, al massimo 10, poi raggiunge l'orgasmo. Poi mi chiede se per me va tutto bene, ma a distanza di 11 anni non provo più a dirgli che, no, non va bene. Oramai credo di non volere neanche più che cambi, non lo amo, siamo amici e cresciamo i nostri figli. Durante i primi anni ho sempre chiesto e sperato che capisse che è un pò scarso... avevo acquistato dei profilattici ritardanti, ma non li ha voluti, perchè non sentiva nulla. Ha sempre negato il disturbo, anche per egoismo più che per inibizione, alcune volte sono riuscita ad invogliarlo, dopo una pausa, a riprendere il rapporto, ma lo ha fatto sempre controvoglia, perchè già soddisfatto affermava, e l'ho fatto andare in ansia, con dispnea da sforzo, e preoccupazione espressa verbalmente sulla sua incapacità nel riuscire 2 volte di seguito. Sono molto attiva sessualmente, e non sono mai stata soddisfatta, per esserlo, ricorro alla masturbazione. Grazie dell'ascolto

Cara Marika, il consorte soffre di eiaculazione precoce. Dal racconto sembra che fra voi ci sia poca comunicazione, infatti, non avete chiarito il delicato momento. Visto che non vuol provvedere a trovare soluzioni, nulla vieta il tuo rifiuto di una sessualità insoddisfacente. Risulta avvilente fare sesso e non l'amore in una coppia stabile, e ciò se ho ben capito serve solo a soddisfare lui, che egoisticamente non dedica spazio alla donna e non prende in considerazione coccole e carezze che inserite nei preliminari sono una forte miscela per soddisfare ambedue in un estasi amorosa. La soluzione? Un bravo sessuologo.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters