Pubblicità

Eiaculazione precoce (023919)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 40 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gigi 37

Prima di sposarmi, facevo sesso con mia moglie e riuscivo a soddisfarla pienamente in quanto il ropporto durava molto (non meno di un'ora). Con il tempo le mie "prestazioni" sono calate e mi trovo che dopo cinque-dieci minuti il rapporto è finito. Mi moglie non si è mai lamentata di ciò. Sono io che mi sento frustrato in quanto vorrei dargli di più come facevo una volta. Preciso che non ho particolari preoccupazioni o altro.Cosa si può fare?

Gent.le Sig. Gigi, lei parla di rapporti che duravano più di un'ora mentre ora durano cinque-dieci minuti, chi stabilisce qual'è il tempo giusto per poter terminare un rapporto sessuale? Lei scrive di aver paura di avere una eiaculazione precoce ma non credo sia così, se ci riferiamo alla "normalità" dei casi lei è pienamente in regola con i suoi dieci minuti. Probabilmente è una paura più sua che un problema di sua moglie, credo che in questi casi la cosa migliore sia parlarne, affrontare con tranquillità l'argomento, non rischiando di crearsi delle preoccupazioni immotivate. Non è detto che la maggiore durata sia segno di maggiore piacere o maggiore intimità. Si può restare insieme e condividere momenti intimi anche prima e dopo il rapporto sessuale in se. Provi a parlare con sua moglie e credo che scoprirà delle piacevoli sorprese rispetto a ciò che oggi riuscite a condividere aldilà dell'ora di rapporto. Non può pensare di soddisfare sua moglie solo perchè il vostro rapporto durava così tanto.Sono certa che se un rapporto funziona, funziona aldilà del mero tempo da dedicare al rapporto sessuale in sè.

(risponde la dott.ssa Anna Maria Casale)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

News Letters

0
condivisioni