Pubblicità

Eiaculazione precoce (023919)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 33 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gigi 37

Prima di sposarmi, facevo sesso con mia moglie e riuscivo a soddisfarla pienamente in quanto il ropporto durava molto (non meno di un'ora). Con il tempo le mie "prestazioni" sono calate e mi trovo che dopo cinque-dieci minuti il rapporto è finito. Mi moglie non si è mai lamentata di ciò. Sono io che mi sento frustrato in quanto vorrei dargli di più come facevo una volta. Preciso che non ho particolari preoccupazioni o altro.Cosa si può fare?

Gent.le Sig. Gigi, lei parla di rapporti che duravano più di un'ora mentre ora durano cinque-dieci minuti, chi stabilisce qual'è il tempo giusto per poter terminare un rapporto sessuale? Lei scrive di aver paura di avere una eiaculazione precoce ma non credo sia così, se ci riferiamo alla "normalità" dei casi lei è pienamente in regola con i suoi dieci minuti. Probabilmente è una paura più sua che un problema di sua moglie, credo che in questi casi la cosa migliore sia parlarne, affrontare con tranquillità l'argomento, non rischiando di crearsi delle preoccupazioni immotivate. Non è detto che la maggiore durata sia segno di maggiore piacere o maggiore intimità. Si può restare insieme e condividere momenti intimi anche prima e dopo il rapporto sessuale in se. Provi a parlare con sua moglie e credo che scoprirà delle piacevoli sorprese rispetto a ciò che oggi riuscite a condividere aldilà dell'ora di rapporto. Non può pensare di soddisfare sua moglie solo perchè il vostro rapporto durava così tanto.Sono certa che se un rapporto funziona, funziona aldilà del mero tempo da dedicare al rapporto sessuale in sè.

(risponde la dott.ssa Anna Maria Casale)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

News Letters

0
condivisioni