Pubblicità

Eiaculazione precoce (060870)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 42 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Max 31 anni, 03.01.2003

Il mio problema è come poter migliorare durante un rapporto sessuale con una ragazza la durata del rapporto o meglio come curare l'eiaculazione precoce.
Mi è stato prescritto da un andrologo de Prozac 20mg al giorno, esercizi Kegel da fare durante la giornata e usare la tecnica della compressione sul pene prima di sentire lo stimolo dell'eiaculazione.
In realtà, non ho avuto un gran miglioramento qualitativo. Pensavo di aumentare la dose a 30mg di Prozac Esiste qualcosa di più efficace? Grazie a nome di molte altre persone che sono affette da tale problema ma che non hanno il coraggio di dirlo. Max 31

Caro Max (31 anni) , non credo all'aumento della dose di farmaco. Molto di più all'allenamento psicologico ( e forse a un lavoro psicoterapico più profondo) a reggere livelli sempre più alti di eccitazione, senza "venire".
E' un allenamento importante che richiede tempo, impegno , qualche ricaduta, ma nel lungo periodo porterà i suoi frutti.
E' come una ri-abilitazione o un apprendimento nuovo e inusuale per te: riconoscere in tempo il punto del non ritorno, fermarsi e riprendere a livelli sempre più alti di eccitazione.
Puoi stare nell'eccitazione, non occorre scappare, dove corri? Stai nell'eccitazione, tollera la cosa, anzi aumenta la tensione... così arriverai a godere finalmente facendo godere anche chi sta con te. Se no, é proprio una delusione per entrambi!
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

News Letters

0
condivisioni