Pubblicità

Eiaculazione precoce (143589)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 38 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Andrea 19

Salve, sono un ragazzo di 19 anni e ho sempre sofferto di eiaculazione precoce. Ho fatto sesso con 3 ragazze. La prima è stata a 16 anni con una ragazza con cui ero insieme, ma di cui non ero innamorato. Praticamente è stato solo sesso, e (a meno che non avessi ansia da prestazione e non lo sapessi) non mi preoccupavo della figura che facevo nel farlo con lei, perchè in quei momenti ero abbastanza egoista. Ho continuato a farlo con lei per circa 2 settimane, e circa ogni giorno, ma la cosa non è mai migliorata di molto. Sono arrivato a durare una ventina di minuti al massimo, ma solo al secondo rapporto consecutivo, e al primo di media ne duravo 3 o 4 da quel che ricordo. Poi, è successo una volta sola con una partner occasionale, poco dopo il periodo con la prima ragazza, ed è durato anche lì 3 o 4 minuti (non so se possa essere rilevante, ma con questa ragazza, quella sera avevo bevuto un po). Il problema serio è nato ormai quasi 2 anni fa, quando ho conosciuto la mia attuale ragazza. Per più di un anno lo abbiamo fatto in media tutti i giorni, e nei primi mesi anche 2 o 3 volte al giorno. Poi i rapporti sono calati, e ora facciamo l'amore una volta a settimana. La durata dei rapporti è sempre stata sui 5 minuti, e anche durante i mesi in cui lo facevamo più volte consecutive, la durata non cambiava affatto! Premetto che ho sempre amato moltissimo la mia ragazza, e mi sono sempre preoccupato di farla più felice possibile in ogni cosa, e ovviamente anche riguardo il sesso. Essendo così attento alla sua felicità, è inevitabile che fin dall'inizio io ci rimanessi male per i miei rapporti poco duraturi, e qui presumo che ci sia ansia da prestazione. Ho provato preservativi ritardanti, la masturbazione poco prima del rapporto, creme anestetizzanti e psicofarmaci. Nulla di tutto questo è servito. Probabilmente, mi consiglierete di andare con la mia ragazza da uno psicoterapeuta sessuologo, o qualche altro medico competente. Se così è, è possibile fare queste terapie gratuitamente? Perchè non mi posso permettere di pagare delle consulenze da un medico privato. Avete qualche consiglio da darmi? E' una situazione che mi fa impazzire. Vedo di giorno in giorno la mia ragazza che ha sempre meno voglia di fare l'amore con me, e io mi demoralizzo sempre di più! Grazie per le vostre risposte.


Caro Andrea, i consultori ci sono proprio per quello, e sono servizi assolutamente gratuiti. Consulta quello territoriale più vicino. Non trascurare, comunque, che potrebbe essere utile compiere qualche indagine anche sul piano organico e quindi puoi contattare l'ufficio di prenotazioni competente della tua ASL o Azienda Ospedaliera più vicina e fare una buona visita con un andrologo. Sono problemi che si superano più facilmente di quello che si immagina; occorre piuttosto centrarne l'origine.

(Risponde la Dott.ssa Bosa Lucia Daniela)

Pubblicato in data 13/05/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualogia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

News Letters

0
condivisioni