Pubblicità

eiaculazione precoce (45622)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 206 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Raimondo, 22anni (23.11.2001)

Salve.spero di riuscire a spiegare con chiarezza quelli che sono i miei problemi,anche perche non li comprendo io stesso molto bene,e di ricevere una risposta in brve tempo.Ho 22 anni,una ragazza che mi ama molto,con cui ho una relazione a distanza dallo scorso dicembre.ci vediamo durante le vacanze.
Mi masturbo regolarmente da quando avevo 14 anni e all'incirca dai 18 ho notato di soffrire di eiaculazione precoce.piu o meno da quando le ragazze hanno iniziato a notarmi,prima ero troppo timido e chiuso,solo.credo il mio problema sia nato proprio a causa della paura di confrontarmi con l'altro sesso...comunque ho parlato col mio medico di famiglia che mi ha parlato di ansia da prestazione e che l'unico sistema per superare il mio problema era superare le mie paure.ad aprile ho visto la mia ragazza per una settimana,eravamo entrambi vergine...speravo di riuscire a non pensare al mio problema ma fu impossibile perche si verificò puntualmente.in quelle 7 notti venivo con una facilita estrema,una notte anche per 6 volte.Comunque non notavo perlomeno problemi a raggiungere una buona erezione anche se questa durava pochi secondi,poi l'orgasmo.Dopo questa esperienza ho deciso di farmi visitare da un andrologo il quale,in cambio di 200.000 lire,mi tenne 2 ore a parlare di masturbazione,mi disse che non avevo problemi fisiologici ma che dovevo rieducare il mio cervello attraverso la masturbazione,cercando cioe di durare il piu a lungo possibile prima dell'orgasmo.cosi feci,e in effetti forse qualche risultato nella masturbazione si e vista,nel senso che a volte dura anche a lungo,ma non si son visti risultati nel sesso con la mia ragazza.ci siamo riincontrati d'estate.qualcosa e cambiato nel nostro rapporto sessuale,ma in peggio.infatti la prima volta che lo facciamo,in una giornata di 24 ore,raggiungo l'orgasmo in pochi secondi dopodiche trovo una grandissima difficolta a raggiungere non solo l'orgasmo ma anche una buona erezione,a volte totalmente assente.Abbiamo anche provato molti giochini sessuali ma senza grandi risultati.Non riesco a fare sesso due volte di seguito,neanche a distanza di un paio d'ore l'una dall'altra,se stiamo nello stasso posto,lo stesso letto nella stessa stanza.Non mi eccita.Dovrei rivolgermi al viagra gia a 22 anni,o vuol forse dire che la mia ragazza non e abbastanza bella per me?(ma a questo non riesco davvero a crederlo perche lei e bellissima).
Un ultima cosa,un particolare.quando non sto con lei,quando siamo distanti per alcuni mesi,io mi masturbo regolarmente,almeno una volta al giorno,a volte niente a volte piu di una volta in un giorno.Volevo sapere se questo puo giustificare l'assenza di erezioni mattutine,che non riscontro ormai non ricordo piu da quanto,o se questo e un sintomo di qualcosa che non funziona.Sperando che possiate aiutarmi o almeno darmi un buon consiglio,la prego di rispondermi il prima possibile.Vi ringrazio.
P.S. questo sito è davvero super.

Caro Raimondo , non é certo il viagra il rimedio adatto al tuo caso, ma é giunto forse il tempo di metterti in mano a un bravo psicoterapeuta per venire a capo non solo dell'eiaculazione precoce, delle difficoltà di erezione, della mancanza di eccitazione... ma forse ancor più delle molteplici problematiche soggiacenti e riguardanti la tua identità e la tua sicurezza personali. La timidezza e la chiusura in te stesso , che pure lamenti,fanno pensare a qualcosa con cui non hai ancora fatto i conti in profondità e il comportamento sessuale - sopratutto con questo tipo di amore a distanza - ne risente alquanto. Non mi fisserei sulla sessualità, che anche l'andrologo ha trovato a posto, ma su quello che la tua sessualità ha da comunicare ed esprimere alla persona che ami. Fatti coraggio e affronta uno psicologo! Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

News Letters

0
condivisioni