Pubblicità

eiaculazione precoce (45622)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 171 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Raimondo, 22anni (23.11.2001)

Salve.spero di riuscire a spiegare con chiarezza quelli che sono i miei problemi,anche perche non li comprendo io stesso molto bene,e di ricevere una risposta in brve tempo.Ho 22 anni,una ragazza che mi ama molto,con cui ho una relazione a distanza dallo scorso dicembre.ci vediamo durante le vacanze.
Mi masturbo regolarmente da quando avevo 14 anni e all'incirca dai 18 ho notato di soffrire di eiaculazione precoce.piu o meno da quando le ragazze hanno iniziato a notarmi,prima ero troppo timido e chiuso,solo.credo il mio problema sia nato proprio a causa della paura di confrontarmi con l'altro sesso...comunque ho parlato col mio medico di famiglia che mi ha parlato di ansia da prestazione e che l'unico sistema per superare il mio problema era superare le mie paure.ad aprile ho visto la mia ragazza per una settimana,eravamo entrambi vergine...speravo di riuscire a non pensare al mio problema ma fu impossibile perche si verificò puntualmente.in quelle 7 notti venivo con una facilita estrema,una notte anche per 6 volte.Comunque non notavo perlomeno problemi a raggiungere una buona erezione anche se questa durava pochi secondi,poi l'orgasmo.Dopo questa esperienza ho deciso di farmi visitare da un andrologo il quale,in cambio di 200.000 lire,mi tenne 2 ore a parlare di masturbazione,mi disse che non avevo problemi fisiologici ma che dovevo rieducare il mio cervello attraverso la masturbazione,cercando cioe di durare il piu a lungo possibile prima dell'orgasmo.cosi feci,e in effetti forse qualche risultato nella masturbazione si e vista,nel senso che a volte dura anche a lungo,ma non si son visti risultati nel sesso con la mia ragazza.ci siamo riincontrati d'estate.qualcosa e cambiato nel nostro rapporto sessuale,ma in peggio.infatti la prima volta che lo facciamo,in una giornata di 24 ore,raggiungo l'orgasmo in pochi secondi dopodiche trovo una grandissima difficolta a raggiungere non solo l'orgasmo ma anche una buona erezione,a volte totalmente assente.Abbiamo anche provato molti giochini sessuali ma senza grandi risultati.Non riesco a fare sesso due volte di seguito,neanche a distanza di un paio d'ore l'una dall'altra,se stiamo nello stasso posto,lo stesso letto nella stessa stanza.Non mi eccita.Dovrei rivolgermi al viagra gia a 22 anni,o vuol forse dire che la mia ragazza non e abbastanza bella per me?(ma a questo non riesco davvero a crederlo perche lei e bellissima).
Un ultima cosa,un particolare.quando non sto con lei,quando siamo distanti per alcuni mesi,io mi masturbo regolarmente,almeno una volta al giorno,a volte niente a volte piu di una volta in un giorno.Volevo sapere se questo puo giustificare l'assenza di erezioni mattutine,che non riscontro ormai non ricordo piu da quanto,o se questo e un sintomo di qualcosa che non funziona.Sperando che possiate aiutarmi o almeno darmi un buon consiglio,la prego di rispondermi il prima possibile.Vi ringrazio.
P.S. questo sito è davvero super.

Caro Raimondo , non é certo il viagra il rimedio adatto al tuo caso, ma é giunto forse il tempo di metterti in mano a un bravo psicoterapeuta per venire a capo non solo dell'eiaculazione precoce, delle difficoltà di erezione, della mancanza di eccitazione... ma forse ancor più delle molteplici problematiche soggiacenti e riguardanti la tua identità e la tua sicurezza personali. La timidezza e la chiusura in te stesso , che pure lamenti,fanno pensare a qualcosa con cui non hai ancora fatto i conti in profondità e il comportamento sessuale - sopratutto con questo tipo di amore a distanza - ne risente alquanto. Non mi fisserei sulla sessualità, che anche l'andrologo ha trovato a posto, ma su quello che la tua sessualità ha da comunicare ed esprimere alla persona che ami. Fatti coraggio e affronta uno psicologo! Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters

0
condivisioni