Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

eiaculazione precoce (45622)

on . Postato in Sessualità | Letto 124 volte

Raimondo, 22anni (23.11.2001)

Salve.spero di riuscire a spiegare con chiarezza quelli che sono i miei problemi,anche perche non li comprendo io stesso molto bene,e di ricevere una risposta in brve tempo.Ho 22 anni,una ragazza che mi ama molto,con cui ho una relazione a distanza dallo scorso dicembre.ci vediamo durante le vacanze.
Mi masturbo regolarmente da quando avevo 14 anni e all'incirca dai 18 ho notato di soffrire di eiaculazione precoce.piu o meno da quando le ragazze hanno iniziato a notarmi,prima ero troppo timido e chiuso,solo.credo il mio problema sia nato proprio a causa della paura di confrontarmi con l'altro sesso...comunque ho parlato col mio medico di famiglia che mi ha parlato di ansia da prestazione e che l'unico sistema per superare il mio problema era superare le mie paure.ad aprile ho visto la mia ragazza per una settimana,eravamo entrambi vergine...speravo di riuscire a non pensare al mio problema ma fu impossibile perche si verificò puntualmente.in quelle 7 notti venivo con una facilita estrema,una notte anche per 6 volte.Comunque non notavo perlomeno problemi a raggiungere una buona erezione anche se questa durava pochi secondi,poi l'orgasmo.Dopo questa esperienza ho deciso di farmi visitare da un andrologo il quale,in cambio di 200.000 lire,mi tenne 2 ore a parlare di masturbazione,mi disse che non avevo problemi fisiologici ma che dovevo rieducare il mio cervello attraverso la masturbazione,cercando cioe di durare il piu a lungo possibile prima dell'orgasmo.cosi feci,e in effetti forse qualche risultato nella masturbazione si e vista,nel senso che a volte dura anche a lungo,ma non si son visti risultati nel sesso con la mia ragazza.ci siamo riincontrati d'estate.qualcosa e cambiato nel nostro rapporto sessuale,ma in peggio.infatti la prima volta che lo facciamo,in una giornata di 24 ore,raggiungo l'orgasmo in pochi secondi dopodiche trovo una grandissima difficolta a raggiungere non solo l'orgasmo ma anche una buona erezione,a volte totalmente assente.Abbiamo anche provato molti giochini sessuali ma senza grandi risultati.Non riesco a fare sesso due volte di seguito,neanche a distanza di un paio d'ore l'una dall'altra,se stiamo nello stasso posto,lo stesso letto nella stessa stanza.Non mi eccita.Dovrei rivolgermi al viagra gia a 22 anni,o vuol forse dire che la mia ragazza non e abbastanza bella per me?(ma a questo non riesco davvero a crederlo perche lei e bellissima).
Un ultima cosa,un particolare.quando non sto con lei,quando siamo distanti per alcuni mesi,io mi masturbo regolarmente,almeno una volta al giorno,a volte niente a volte piu di una volta in un giorno.Volevo sapere se questo puo giustificare l'assenza di erezioni mattutine,che non riscontro ormai non ricordo piu da quanto,o se questo e un sintomo di qualcosa che non funziona.Sperando che possiate aiutarmi o almeno darmi un buon consiglio,la prego di rispondermi il prima possibile.Vi ringrazio.
P.S. questo sito è davvero super.

Caro Raimondo , non é certo il viagra il rimedio adatto al tuo caso, ma é giunto forse il tempo di metterti in mano a un bravo psicoterapeuta per venire a capo non solo dell'eiaculazione precoce, delle difficoltà di erezione, della mancanza di eccitazione... ma forse ancor più delle molteplici problematiche soggiacenti e riguardanti la tua identità e la tua sicurezza personali. La timidezza e la chiusura in te stesso , che pure lamenti,fanno pensare a qualcosa con cui non hai ancora fatto i conti in profondità e il comportamento sessuale - sopratutto con questo tipo di amore a distanza - ne risente alquanto. Non mi fisserei sulla sessualità, che anche l'andrologo ha trovato a posto, ma su quello che la tua sessualità ha da comunicare ed esprimere alla persona che ami. Fatti coraggio e affronta uno psicologo! Auguri.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

News Letters