Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

eiaculazione precoce (46747)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 209 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mario, 41anni (27.12.2001)

Sono un impiegato pubblico e vivo con mia madre disabile e con una signora, sparata, che le presta assistenza e svolge mansioni da casalinga. Poco dopo il suo arrivo a casa ha dimostrato interesse per me fino al punto che siamo arrivati ad avere rapporti sessuali, per mio volere, senza penetrazione, la mia scelta è dovuta al fatto che l'eiaculazione precoce non mi permette di effettuarla. Questo problema, che si è accentuato molto con questa persona, è stato presente anche in precedenti relazioni. Il fatto è che raggiungo l'erezione solo quando sono molto eccitato e se cerco di diminuire le stimolazioni la perdo quasi immediatamente (se provo con la pressione sotto il glande, tecnica vista in una videocassetta e riportata spesso in testi specifici, è peggio). Inoltre dopo che è avvenuta l'eiaculazione non riesco ad avere nuove erezioni per almeno due ore e comunque, con quest'ultima donna, provo una repulsione verso le attività sessuali per almeno un paio di giorni. Inutile dire che questa situazione mi condiziona enormemente nei rapporti con l'altro sesso, infatti evito di approfondire le amicizie a meno che non sia costretto.
Ringrazio infinitamente per l'attenzione.

Caro Mario l'eiaculazione precoce può essere trattata e risolta con una terapia sessuale. Ti consiglio di seguirla perché questo disturbo nella casistica ha una buona prognosi. La compressione che metti in atto durante il rapporto è una delle tecniche utilizzate nella suddetta terapia, assume significato se inserita in un contesto strutturato dove l'esperto, in questo caso il sessuologo, decide come e quando utilizzarla. Il fai da te, in questo caso, può avere effetti negativi e peggiorativi in quanto il mancato successo può provocare nel soggetto un ulteriore aumento dell'ansia che sostiene il sintomo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Insicurezza e bassa autostima …

Lau, 26     Buongiorno, fin da quando ero piccola ho sempre avuto una scarsa autostima e questo mi ha portato sicuramente ad essere sempre indeci...

Area Professionale

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Le parole della Psicologia

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

News Letters

0
condivisioni