Pubblicità

Eiaculazione ritardata (157215)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 45 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Erica, 33

 

Gentile Dottore,
sono in un momento di difficoltà.
Ho una relazione con un uomo di 35 anni, rapporto stabile, sereno, positivo; i problemi sorgono nella sessualità. Sarò diretta di modo da poter ricevere una risposta chiara.
Dopo vari momenti di dialogo e ricerche (mie su internet) sulla situazione specifica, ho scoperto di recente che il mio fidanzato soffre di eiaculazione ritardata. Nella fattispecie, non riesce a eiaculare nella mia vagina, il rapporto dura tanto e durante il rapporto si presentano spesso, perdite di eccitazione, raggiunge l'orgasmo solo masturbandosi( anche se facciamo l'amore IO e LUI), anche se abbiamo la possibilità di avere rapporti completi. Se si masturba da solo, non ha problemi di eccitazione, nè di eiaculazione.
Mi ha raccontato che questo è sempre avvenuto , anche con le sue ex fidanzate, inevitabilmente questo problema ha portato alla fine delle sue relazioni. Non è il problema in sè a spaventarmi, piuttosto il fatto che quest'uomo non abbia mai realizzato di avere un problema, nè tantomeno chiesto mai aiuto a un esperto per risoverlo. Ho paura di affrontare con lui l'argomento, temo di ferirlo e ho paura che anche questa volta, decida di non affrontare il problema con la conseguente e futura chiusura, anche della nostra relazione.
Cosa mi consigliate di fare?

Cara Erica,
il disturbo eiaculatorio descritto nasconde problematiche psicologiche del maschio nei confronti della figura femminile.
Per questo e per una risposta diretta, come richiesto vi consiglio di consultare uno psicoterapeuta sessuologo che in coppia e individualmente può aiutarvi a risolvere il problema.
Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 24/01/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

News Letters

0
condivisioni