Pubblicità

Eiaculazione ritardata (157215)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 64 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Erica, 33

 

Gentile Dottore,
sono in un momento di difficoltà.
Ho una relazione con un uomo di 35 anni, rapporto stabile, sereno, positivo; i problemi sorgono nella sessualità. Sarò diretta di modo da poter ricevere una risposta chiara.
Dopo vari momenti di dialogo e ricerche (mie su internet) sulla situazione specifica, ho scoperto di recente che il mio fidanzato soffre di eiaculazione ritardata. Nella fattispecie, non riesce a eiaculare nella mia vagina, il rapporto dura tanto e durante il rapporto si presentano spesso, perdite di eccitazione, raggiunge l'orgasmo solo masturbandosi( anche se facciamo l'amore IO e LUI), anche se abbiamo la possibilità di avere rapporti completi. Se si masturba da solo, non ha problemi di eccitazione, nè di eiaculazione.
Mi ha raccontato che questo è sempre avvenuto , anche con le sue ex fidanzate, inevitabilmente questo problema ha portato alla fine delle sue relazioni. Non è il problema in sè a spaventarmi, piuttosto il fatto che quest'uomo non abbia mai realizzato di avere un problema, nè tantomeno chiesto mai aiuto a un esperto per risoverlo. Ho paura di affrontare con lui l'argomento, temo di ferirlo e ho paura che anche questa volta, decida di non affrontare il problema con la conseguente e futura chiusura, anche della nostra relazione.
Cosa mi consigliate di fare?

Cara Erica,
il disturbo eiaculatorio descritto nasconde problematiche psicologiche del maschio nei confronti della figura femminile.
Per questo e per una risposta diretta, come richiesto vi consiglio di consultare uno psicoterapeuta sessuologo che in coppia e individualmente può aiutarvi a risolvere il problema.
Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 24/01/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

News Letters

0
condivisioni