Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Erezione (117774)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 20 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

36

Ho 36 anni e ho avuto poche esperienze sessuali. La prima volta è stata con una prostituta, i preliminari tutto bene, ma nel momento della penetrazione ho perso l'erezione. Da allora sempre così. Dato che ho avuto poche esperienze e passa del tempo da un' occasione all'altra quando capitava non davo tutta questa importanza anche perchè l'erezione con i preliminari è ottima e duratura. Quando infilavo il presevativo perdevo l'erezione dando così colpa al preservativo. Ho preso atto del problema solo quando da poco ho conosciuto una ragazza e ho iniziato a fare sesso senza preservativo. Preliminari ottimi, ma nel momento della penetrazione niente. Ho fatto delle prove anche da solo, appena raggiungo l'erezione e inizio a similare una penetrazione subito perdo l'erezione. Mi sono rivolto ad un andrologo. Dopo aver visto analisi varie e controllato il flusso del sangue mi ha dato una terapia di Cialis, pero' senza esito positivo. Mi cambierà terapia, ma mi sto preoccupando. Pensate che possa servire una terapia affiancata con sedute pscicologiche e a quale orientamento? Grazie.

Sinceramente, non credo che in una situazione come la sua il Cialis possa esserle di qualche utilità, a meno che l’andrologo non abbia riscontrato in lei qualche anomalia funzionale. Purtroppo, soprattutto quando si ha a che fare con disturbi inerenti la sfera sessuale, si ha sempre la speranza che una “pillola magica” risolva la situazione, ma raramente succede così. La sessualità è sicuramente uno degli aspetti più delicati delle persone, quello che spesso prima di ogni altro viene colpito da un sintomo quando c’è qualcosa che non va. Da quello che mi racconta, mi viene da pensare che iniziare la propria vita sessuale con una prostituta non predisponga certo bene. La mia non è una condanna morale, non è mio compito giudicare i suoi comportamenti, ma la “prima volta” è estremamente importante sia per gli uomini che per le donne, e se in essa non ci si trova a proprio agio è molto più probabile che possano sorgere dei problemi in seguito. Credo sia molto importante che lei faccia una serie di sedute con uno psicologo; per quanto riguarda l’orientamento, mi sembra che una persona che abbia una formazione specifica in sessuologia sia la scelta migliore. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicato in data 13/05/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters

0
condivisioni