Pubblicità

erezione (42718)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 244 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stesh, 24anni (3.9.2001)

Sono un ragazzo di 24 anni e nonostante un bell'aspetto non ho avuto molte esperienze sessuali.ultimamente ho avuto la possibilita' di avere rapporti con due ragazze ma nonostante la situazione ottimale non riesco a rilassarmi completamente e mantenere un'erezione che mi consenta la penetrazione,appena capisco la situazione mi innervosisco e non ci provo piu' per paura di un'altro "fallimento",non credo che l'insoddisfazione per la dimensione del mio pene(che comunque ritengo normali)possa essere un motivo,ma visto che la cosa si e' ripetuta non escludo niente.come si fa a vincere l'ansia del rapporto?ci sono medicinali o cure particolari che si possono fare?spero in una risposta

Caro Stesh, rilegendo la sua lettera, ho avuto la sensazione che la risoposta al quesito che ci pone è già nella lettera. Mi sembra evidente che lei comincia a parlare delle sue difficoltà, dopo aver riferito di una difficoltà a rilassarsi. MI vikene quindi da chiederle, cosa rappresenta per lei un rapporto sessuale? Un esercizio per dimostrare a sè stesso che è capace di farcela?

Mi sembra quasi vissuto come una sfida, ed è ovvio che questo atteggiamento in qualche modo influisce in modo negativo sulla prestazione. Probabilmente lei ha da superare una serie di difficoltà con sè stesso, la sua autostima mi sembra compromessa, e affida tutto alle dimensioni del pene. Forse può riflettere sul senso e sull'importanza che attribuisce ad un rapporto sessuale. E' come se fosse una unità di misura per valutare la sua capacità, o forse la sua virilità. E'bene invece che in tal senso si chiarisca le idee, perché nil rischio è entrare a far parte di una sorta di circolo vizioso, della profezia negativa autoverificantesi, e cioé ogni rapporto sessuale si pone come ennesima prova del fallimento.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

News Letters

0
condivisioni