Pubblicità

erezione (42718)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 184 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stesh, 24anni (3.9.2001)

Sono un ragazzo di 24 anni e nonostante un bell'aspetto non ho avuto molte esperienze sessuali.ultimamente ho avuto la possibilita' di avere rapporti con due ragazze ma nonostante la situazione ottimale non riesco a rilassarmi completamente e mantenere un'erezione che mi consenta la penetrazione,appena capisco la situazione mi innervosisco e non ci provo piu' per paura di un'altro "fallimento",non credo che l'insoddisfazione per la dimensione del mio pene(che comunque ritengo normali)possa essere un motivo,ma visto che la cosa si e' ripetuta non escludo niente.come si fa a vincere l'ansia del rapporto?ci sono medicinali o cure particolari che si possono fare?spero in una risposta

Caro Stesh, rilegendo la sua lettera, ho avuto la sensazione che la risoposta al quesito che ci pone è già nella lettera. Mi sembra evidente che lei comincia a parlare delle sue difficoltà, dopo aver riferito di una difficoltà a rilassarsi. MI vikene quindi da chiederle, cosa rappresenta per lei un rapporto sessuale? Un esercizio per dimostrare a sè stesso che è capace di farcela?

Mi sembra quasi vissuto come una sfida, ed è ovvio che questo atteggiamento in qualche modo influisce in modo negativo sulla prestazione. Probabilmente lei ha da superare una serie di difficoltà con sè stesso, la sua autostima mi sembra compromessa, e affida tutto alle dimensioni del pene. Forse può riflettere sul senso e sull'importanza che attribuisce ad un rapporto sessuale. E' come se fosse una unità di misura per valutare la sua capacità, o forse la sua virilità. E'bene invece che in tal senso si chiarisca le idee, perché nil rischio è entrare a far parte di una sorta di circolo vizioso, della profezia negativa autoverificantesi, e cioé ogni rapporto sessuale si pone come ennesima prova del fallimento.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

News Letters

0
condivisioni