Pubblicità

Esaurimento (021943)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 34 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberto, 52 anni

Gentilissimi Sig.ri Consulenti,desidererei tanto un Vs.consiglio sul mio stato di esaurimento nervoso dovuto: Sono sposato da trenta anni e da circa un anno che la mia consorte si rifiuta ogni volta che le chiedo di fare l'atto sessuale. Ogni volta che le chiedo il perchè, mi dice che ormai non ha più voglia di farlo ed ho provato di tutto per farle cambiare idea, ma al momento non ci sono riuscito. Ho provato anche per dimostrarle che la posso capire a chiedere di fare sesso una volta ogni tanto dopo un lungo periodo, ma nemmeno così funziona. Sono abbastanza stufo di questa situazione,che mi ha portato ad un serio esaurimento nervoso. Non è che io voglia fare sesso per forza,ma non ci riesco a farne a meno, anche perchè penso che sono ancora giovane e ne ho bisogno per stare meglio fisicamente e che non trovo nel modo più assoluto e categorico che un uomo sposato da tanti anni,adesso in questo momento della vita così delicato debba andare a sfogarsi altrove. Spero che mi diate un consiglio posso capire che possa essere un caso difficile, ma Voi con la Vs. esperienza spero mi possiate dare qualche buon consiglio per cercare di risolvere questa delicata situazione. Vi ringrazio fin da adesso ed in attesa di una Vs. risposta che attendo con ansia, colgo l'occasione per porgere i miei più sentiti ringraziamenti.

Gent.le Sig. Roberto, sicuramente, come lei scrive, è difficile dover accettare l'idea che la propria moglie si rifiuti di condividere insieme i piaceri dell'intimità. Quello che mi chiedevo, mentre leggevo la sua lettera,è se lei ha chiesto
spiegazioni a sua moglie sul perchè di questo rifiuto. Cosa c'è da un anno a questa parte che la blocca, cosa non le va più di condividere? Sicuramente sarà cambiato qualcosa in lei o nel vostro rapporto che la fa reagire in tal senso. Non si cambia di punto in bianco e soprattutto dopo tanti anni. Sicuramente c'è un motivo o più motivi scatenanti che hanno portato a questo.Se non l'ha già fatto cerchi di capire il perchè e agisca cercando di rispondere a probabilmente dei suoi nuovi bisogni o di modificare delle cose che non la soddisfano più come una volta.Ciò che è importante dire in questi casi è che in queste situazioni ciò che fa cambiare atteggiamento nei confronti dell'intimità sessuale è dato da problemi più profondi, forse non affrontati nel tempo.Questo, ovviamente, non glielo dico per spaventarla o scoraggiarla ma per prendere coscenza un pò di più della situazione e se neccessario anche per chiedere aiuto ad un terapeuta di coppia che vi possa aiutare a parlare, a svelarvi e a ricreare l'armonia.

(risponde la dott.ssa Anna Maria Casale)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Affetto

L'affetto (dal latino "adfectus", da "adficere", cioè "ad" e "facere", che significano "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega u...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

News Letters

0
condivisioni