Pubblicità

fantasie e amore (47535)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 57 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoLuca T. 26anni (21.1.2002)

 

Salve, vi ringrazio per il tempo che dedicherete al mio quesito.Dunque sono fidanzato da 8 anni con una ragazza che mi ha sempre dato molto in termini di affetto tanto da farmi spesso sentire soffocato. Negli ultimi anni abbiamo anche cominciato la convivenza.

All'inizio della storia è stata lei a marcarmi stretto ed io che ero in una situazione di vuoto affettivo, anche reduce da una storia adolescenziale che mi ha segnato per sempre, ho cominciato questa avventuara senza dare peso ai dubbi iniziali che avevo in merito all'aspetto esteriore della mia compagna. Infatti non ne sono mai stato particolarmente colpito e per la verità nonostante periodi, soprattutto nei primi anni, di grande passione e intesa sessuale, oggi la cosa è un pò calata. Soprattutto per colpa mia che pur avendo grande interesse al sesso a volte non riesco ad avere contatti fisici soddisfacenti con lei. Una cosa che mi preoccupa è la difficoltà che trovo a baciarla, eda qualche parte ho letto mi pare che quando non si riesce a baciare con soddisfazione l'amore forse è finito. Ecco io non mi sento innamorato, forse non lo sono mai stato, ma siamo profondamente amici, abbiamo superato difficoltà enormi e la nostra intesa culturale, ideale, politica e dei valori in genere è molto forte. Quando abbiamo rapporti, iltimamente in calo, sono generalmente soddisfacenti. Lei sembra innamorata cotta ancora oggi ma per me credo che l'amore alla fine diventi proprio una forte amicizia come la nostra.

Credo di essere un pò egoista ma il problema grave che mi ossessiona è che da tempo ormai desidero far l'amore con altre donne, lo sogno continuamente e non è da escludere che avessi l'occasione ceda alla tentazione. Sono un pò insicuro in questi ultimi anni per me molto pesanti in generale, ma il desiderio dello stereotipo che ho sempre avuto, ma mai realizzato, della donna sensuale e accattivante e con le forme giuste, in particolare le labbra carnose, mi assilla. Spesso ho fantasie di far l'amore con lei e con una ipotetica altra e ne ho anche parlato con lei che la prende sullo scherzo. Più volte abbiamo parlato della mia condizione di insoddisfazione e lei sa che nonostante la mia buona volontà a portare avanti il rapporto non sono felice. Che fare? Se avessi esperienze extra dovrei parlargliene o secondo voi è legittimo per me avere qualche volta (semmai accadrà mai) delle scappatelle di passione?
Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Caro Luca, la fedeltà , affettiva e fisica, é una condizione che va discussa e concordata all'interno di ogni coppia. Ai maschi piacerebbe più la cosiddetta "fedeltà preferenziale" ( = tu sei la mia compagna, quella che amo; le altre... sono esperienze, allargamento d'esperienza, avventure); le donne sono più per la "fedeltà seriale" ( = finché stai con me ci sono io e basta, se finirà ci lasceremo e liberi entrambi per altre storie).

Ci sono donne monògame e fedeli pur avendo avuto nella vita tre o quattro storie ( in serie appunto, ma non contemporaneamente). L'unico periodo in cui il maschio é "naturalmente" fedele é quando é innamorato, se no é promiscuo ; a meno che non sia giunto a quella fedeltà-destino che é di pochi, non richiede sforzo volontaristico, é un dono della fortuna, dell'incontro magico e definitivo.

Che fare nel tuo caso? Si può rinnovare con strategie rinnovatrici l'interesse sessuale perduto? Alla tua età é giusto programmare i prossimi cinquant'anni senza sessualità appagata e soddisfaciente? Solo nella comunicazione autentica e chiarificatrice tra voi potete decidere il da farsi. Le "scappatelle" non risolvono, e - quanto a dìrselo - c'é chi preferisce non sapere, e chi si accorda su una sincerità assoluta. Voi due cosa preferite?

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni