Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Fantasie omosessuali (104921)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 17 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonima 32

Salve, sono una donna di 32 anni ed il mio uomo di 26 anni mi ha confessato da un paio di giorni in lacrime che quando si masturba gli capita sempre più spesso di avere fantasie omosessuali, cioè si immagina di masturbare un uomo fino all'eiaculazione. Inoltre prova piacere nel masturbarsi davanti allo specchio e gli sono capitati alcuni sogni dove si fa del sesso orale sul suo pene. Lui si sente molto in colpa nei miei confronti in quanto mi ama e si dichiara assolutamente etero mi assicura di stare tranquilla in quanto nella realtà non prova assolutamente attrazione verso gli uomini. Il mio problema è che non riesco più a fare sesso con lui, neanche a baciarlo, in quanto non riesco a smettere di pensare alll'immagine sua mentre tocca un altro uomo. Ho letto molto sull'argomento, tutti dicono di non confondere fantasie con realtà, che come tali non devono influire sulla realtà, ma io sto male, non riesco più ad accettare il mio uomo. Tengo a precisare che non ho educazione cattolica, e mi ritengo una persona molto aperta senza pregiudizi. Come posso superare questa cosa?

Il fatto di non avere pregiudizi la aiuterà sicuramente ad affrontare questa situazione, anche se mi rendo conto che il pensiero del proprio compagno che fa sesso con un uomo debba essere un’esperienza difficile da affrontare. Mi sembra che qui ci siano due problematiche distinte, ossia la difficoltà da parte del suo uomo di accettare fantasie omosessuali, e la difficoltà da parte sua. In effetti quello che ha letto è vero, raramente il fantasticare su qualcosa implica che ci piacerebbe sperimentarla nella realtà; ma ovviamente le fantasie hanno un senso. Ed hanno un senso soprattutto quando procurano sofferenze. Credo che sarebbe importante che lei ed il suo compagno parlaste approfonditamente di questa situazione, ed insieme decideste se sia necessario consultare un terapeuta di coppia, per comprendere bene le dinamiche che si stanno sviluppando tra di voi in seguito a queste fantasie. Molti auguri.

(risponde La dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 21/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

News Letters

0
condivisioni