Pubblicità

Feticismo (107609)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 79 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Riccardo 29

Salve, ho una relazione stabile con la mia fidanzata da ormai quasi 7 anni e da allora, ho dato libero sfogo in un circolo quasi vizioso ai miei desideri feticisti. Lei è una persona magnifica sotto tutti gli aspetti e anche sotto quello sessuale non mi manca nulla, anzi non ho mai riscontrato problemi da parte sua quando mi masturbo con i suoi piedi o davanti ad essi. Il fatto è che dopo averlo fatto mi sento in imbarazzo e mi metto a ridere evitando di guardarla in viso. Non credo che questa cosa le crei problemi, perchè è come fosse un gioco e nell'insieme ci può stare. Non capita tutte le volte ma qualche volta la mia attrazione verso i suoi piedi diventa irrefrenabile. La mia domanda è: Cosa mi succede? Cos'è questa fissazione che mi accompagna fin dalle scuole medie e che solo con questa ragazza sono riuscito a concretizzare? E' normale? Non so, con gli amici si parla spesso di sesso e affini, ma il discorso non verte mai su questi desideri, che assolutamente evito di tirare fuori perchè ne ho vergogna. Tra l'altro, anche nel passato, se una ragazza mi piaceva tantissimo e non superava la prova di avere dei piedi di mio gradimento, ne avevo repulsione e oggi è ancora così, perchè spesso mi trovo a guardare ragazze magari carine che però hanno i piedi che non mi piacciono e quindi non le considero. Sono disturbato? Spero di no. Grazie.

Caro Riccardo, dal racconto si evince che si tratta di una parafilia non altrimenti specificata che si chiama "parzialismo", cioè l'attrazione per una parte del corpo e in special modo per i piedi. Questa attrazione particolore è abbastanza diffusa nel periodo infantile e adolescenziale e spesso scompare con la maturità e l'inizio di relazioni stabili. L'aiuto che puoi dare al tuo comportamento, è quello di consultare uno psicoterapeuta sessuologo per riuscire a capire ciò che fa scattare la curiosità sopra descritta.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 02/10/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters

0
condivisioni