Pubblicità

Feticismo (157526)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 62 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ubi , 31

 

Gentile Dottore,
seguo da tempo il sito di Psiconline, tuttavia non ho mai avuto il coraggio di scrivere,ma a quanto pare adesso è giunto il momento.
Arrivo subito al dunque, vi scrivo per sapere quali possano essere le terapie plausibili per la mia situazione, anche perchè in rete si trova di tutto,e non mi è stato possibile trovare una risposta realmente esauriente.
Per farla breve,ho 31 anni e sono feticista del piede femminile. Non ho mai avuto una donna perchè non sono mai riuscito a palesare la mia condizione e la cosa mi fa stare piuttosto male, anche perchè più di una volta mi sono ritrovato ad evitare situazioni con persone realmente interessate a me.
Ho conosciuto poco tempo fa una donna di cui credo di essermi innamorato e con cui ho avuto i miei primi "contatti"(baci ecc..),ma non abbiamo fatto sesso.
Lei ha interpretato la cosa come un mio "blocco" sessuale, ed io non sono riuscito a "smascherarmi". La cosa strana è che solitamente sono attratto solo dalle estremità di una donna, ma le sue non mi piacciono granchè. Anzi,quando sono a stretto contatto con lei mi eccito anche se i suoi piedi non mi piacciono e la mia inesperienza mi fa stare immobile e non riesco ad andare oltre.
Venendo al dunque,chiedo consiglio su quale tipologia di terapia e terapeuta affidarmi per cercare di riappropriarmi della mia sfera emotiva e sessuale (per procedere tanto in maniera "normale" o anche imparando ad accettarmi), la cui mancanza mi fa tanto soffrire. Se avete da indicarmi qualche nome specifico di terapeuta nella zona di Napoli ve ne sarei grato
Grazie ancora

Caro Ubi,
nel leggere la tua domanda devo correggere il nome della parafilia menzionata il tuo problema non è feticismo poichè il piede non è una cosa inanimata ma viva e vegeta quindi si tratta di una parafilia non altrimenti specificata che si chiama parzialismo.
L'attrazione per i piedi inizia molto preso nei bambini fin dall'infanzia che poi scompare con l'evoluzione.
Consiglio di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico per eleborare le tue problematiche psicologiche.
Il tutto dovrebbe rientrare nella normalità, successivamente se esistono problematiche di coppia occorre un sessuologo che in coppia e tecniche adeguate può risolvere il problema sessuale.
Per quanto riguarda il professionista consiglio di consultare albo psicologi Campania e chiedere il terapeuta psicodinamico e per il sessuologo alla FISS.
Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 14/02/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni