Pubblicità

Feticismo dei piedi (139297)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 38 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


Mario 16

Sono un ragazzo di 15 anni, mai fidanzaro prima. Sin da piccolo ho avuto un interesse verso i piedi che tengo nascosto. Non avendo mai avuto una ragazza, non posso dire se mi eccitto soltanto con i piedi o magari anche baciando una ragazza. Ho avuto l'occasione di "provare" il feticismo, non solo attraverso i video, ma anche con una persona; difatti con questa persona io le lecco i piedi e mi eccito in quel modo raggiungendo l'orgasmo. La mia domanda é, c'é un modo per smettere. Pensando a questi miei gusti non sono molto contento. Grazie.

Gentile Mario, il comportamento che descrivi potrebbe essere una parafilia (ovvero, ciò che comunemente si chiama perversione). Dico potrebbe, perché sei ancora molto giovane e probabilmente il tuo comportamento sessuale è ancora in fase di esplorazione e quindi non si può ancora parlare di una patologia vera e propria. Inoltre, spesso si confonde il feticismo con il parzialismo, cioè con l’eccitamento sessuale che avviene solo con una parte del corpo, in questo caso i piedi. Questa parafilia, non altrimenti specificata, è molto comune nel mondo adulto. Il feticismo e la perversione in senso generale, si definisce tale quando è l'unico modo attraverso il quale si può raggiungere il piacere.  Questo nel tuo caso non lo possiamo ancora sapere, perché, come dici tu nella lettera, non hai ancora avuto modo di sperimentarti in una relazione sessuale “vera”. Comprendo e accolgo il tuo disagio quando dici di non piacerti pensando ai tuoi gusti, però mi sento anche di rassicurarti dicendoti che non esiste un modo standard per amare gli altri, e che è invece importante trovare insieme alla propria compagna il modo giusto affinché entrambi vi sentiate accolti e a vostro agio nel rapporto sessuale. Ciò che intendo dire è che se questa pratica sessuale è inserita all’interno di un rapporto di coppia in cui non ricopre un carattere di esclusività (cioè non è l’unico modo in cui si raggiunge l’orgasmo o in generale piacere dal rapporto), allora, essa può rappresentare uno dei tanti modi che gli adulti hanno per rendere più vivace ed intrigante il rapporto con il partner e non esserci in essa quindi niente di patologico. In ogni caso, se senti il bisogno di capire meglio il tuo rapporto con la sessualità e con  il desiderio sessuale, può esserti utile consultare uno psicoterapeuta sessuologo. Auguri.

 

(Risponde la Dott.ssa Voi Giovanna)

Pubblicato in data 22/10/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni