Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Figlio adolescente... omosessuale (140378)

on . Postato in Sessualità | Letto 5 volte

Flavio 48

Salve, la mia famiglia è composta da cinque persone: noi genitori e tre figli. La prima 20 anni, il secondo 15 e la terza 5. La famiglia è normale, sposati da venti anni, figli voluti, e lavoriamo entrambi. La prima figlia ha avuto dei seri problemi di autostima, in seguito ad un rapporto sentimentale, con un uomo molto possessivo. Attualmente, mia figlia, è in terapia  e forse per questo le nostre attenzioni sono riservate molto a lei. Ora ho scoperto che il secondo figlio,  da circa un mese, ha contattato su internet altri uomini dichiarandosi anonimamente omosessuale. Io lo scoperto perchè controllo spesso i suoi collegamenti. Abbiamo parlato di questa cosa in famiglia e lui ha detto di avere dei dubbi sulla sessualità, gli piacciono le ragazze, e non sa spiegarsi questa cosa che gli succede, ma ha bisogno di contattare altri uomini. Ha detto che non voleva parlarne con noi, per vergogna, ed ora è tranquillo che questa cosa è venuta fuori, perchè ha potuto ascoltare anche le mie esperienze, oltre a quelle di mia moglie e di mia figlia maggiore. Ci ha raccontato che voleva chiederci di queste cose, se erano successe anche a noi, ma si vergognava di farlo. Adesso ha chiesto che gli fosse tolto il computer e noi vorremmo indirizzarlo da uno psicologo. Chiedevo se questi problemi capitano nell'adolescenza e se è naturale sentirsi omosessuali a 15 anni non compiuti. Grazie.

Caro Flavio, il secondo genito è in cerca del suo orientamento sessuale, quindi ancora non ha ben chiaro quelle che possono essere le sue emozioni o attrazioni, infatti gli piacciono le ragazze e contatta uomini, l'omosessualità è latente in tutti noi, quindi questo non è un problema. Togliere il PC non è un ottimo consiglio, poichè il problema deve essere affrontato con serena convinzione sia dal ragazzo sia dalla famiglia, che poi deve accettare ciò che può scaturire in un prossimo futuro senza demonizzare le scelte fatte. Per avere una risposta adeguata alla richiesta, consiglio che il ragazzo consulti uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che lo può aiutare nel percorso verso la giusta scelta del suo orientamento sessuale. Auguri.

(Risponde il Dott. Pugelli Sergio)

Pubblicato in data 07/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters