Pubblicità

Gelosia o invidia? (1551968137588)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 178 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoFlow, 24

domanda

 

 

Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato.

Sto assieme a lei da 2 anni e per me, lei, é stata la mia prima esperienza sessuale. Ogni giorno ho un pensiero fisso in testa, qualche volta piú lieve, ed altre piú intenso, ossia: lei ha giá avuto altri ragazzi ed esperienze sessuali prima di me. é vero che in quanto siano cose accadute prima ancora che io la conoscessi non dovrebbero avere importanza, ma non arrivo a non pensarci.

Non tanto perché lei non ha perso la verginitá con me o i dettagli dei suoi rapporti, ma penso invece, nonstante non sia un numero alto, al numero di persone con cui si é lasciata andare e alla voglia che avrei di provare nuove esperienze. Mi sento come se mancasse una parte della mia vita che non sono riuscito ad approffittare prima di sposarmi.

Come se non fossi riuscito mai a combinare nulla a causa della mia bassa autostima, e mi corrode parecchio. Ho parlato con lei dei miei problemi una volta sola, con la soluzione di andare da uno psicologo per risolvere il tutto. Ho fatto una seduta soltanto ma non sembra aver avuto effetti positivi e da quel momento lei non é piú ritornata sull'argomento, io nemmeno.

Non so se é dovuto al fatto che sono parecchio geloso o é soltanto invidia, vorrei non pensarci ma non ci riesco. Chiedo gentilmente il Vs aiuto. Grazie in anticipo per la Vs disponibilitá.


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


risposta

 

 

Caro Flow, è evidente che lei ha già compiuto un'importante parte di lavoro su se stesso rispetto al problema che porta: è riuscito a riconoscere la complessità e l'ambivalenza dei suoi sentimenti rispetto alle esperienze sessuali di sua moglie e delle sue, comprendendo e accettando che non si tratta solo di una gelosia, che lei stesso riconosce infondata, rispetto a rapporti risalenti a prima della vostra storia, ma anche, e forse soprattutto, di un suo comprensibile rammarico rispetto ad esperienze che non ha potuto vivere.

E' riuscito anche a condividere questi difficili vissuti con sua moglie, in un atto tutt'altro che scontato di notevole maturità relazionale. Lei è sulla buona strada, e nonostante questo continua a soffrirne. Consultare uno psicologo è stato un ottimo passo, purtroppo però non esiste un professionista o un metodo terapeutico in grado di risolvere un problema in una sola seduta.

Se sente che l'invidia e la gelosia stanno recando malessere a lei e nel vostro rapporto di coppia, la incoraggio a riprendere un percorso con uno psicologo concedendosi più tempo. Potrà così andare alla base del problema, che potrebbe avere a che fare anche con la bassa autostima da lei riferita, per costruire un cambiamento che non la aiuterà soltanto a superare il problema attuale, ma a diventare un uomo ancora più forte e sicuro, ancora più capace di volersi e volere bene, ancora più pronto ad affrontare eventuali avversità differenti, maturando risorse che resteranno con lei per sempre.

 

 

Pubblicato il 14/03/2019

 

 

A cura della Dottoressa Elisabetta Ranghino

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita gelosia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

News Letters

0
condivisioni