Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Hiv e psiche (101721)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 29 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Betise78 28

Salve vi scrivo per avere un consiglio e per lo piu una risposta ad alcune mie domande. Ho 28 anni sono gay e da un anno e piu ho una bellissima relazione con il mio compagno di 43, nel mese di ottobre abbiamo scoperto che lui e sieropositivo, io fortunamente avendo fatto il test non ho nulla. Dopo aver appreso questa notizia non abbiamo avuto piu rapporti sessuali, perchè il mio lui non ha ancora accettato la sua malattia e il sesso e l'affetto non riesce piu a manifestarlo nei miei confronti per paura di potermi contagiare.. la mia domanda è questa visto che parliamo poco di questa malattia, cosa posso fare per aiutarlo psicologicamente? Come mi devo comportare? Che cosa puo immaginare e pensare una persona che scopre questa sua malattia? ...Io ho scelto di stargli accanto ma dal lato suo c'è freddezza nei miei confronti e posso capire il motivo. Vorrei un'aiuto vi ringrazio di cuore Betise78

Molto probabilmente in questo momento il tuo compagno è in preda all'angoscia e riesce a pensare soltanto in termini negativi, improvvisamente la precarietà della vita gli si è presentata davanti facendolo sentire imprigionato in un destino di morte. Un destino che forse gli sta procurando rabbia e rimorso per non essersi preso cura di se stesso in passato. Un destino che ti coinvolge dal quale, forse, sta tentando con la sua freddezza di liberarti. In questo momento i vissuti d'angoscia hanno preso il sopravvento, non vede possibili alternative al suo male e a quello di poterne fare anche a te, non riesce ad accettare l'idea che le cure e le accortezze necessarie possono ancora consentirgli una vita in cui l'amore non è precluso. Continua a stargli vicino con dolcezza ma con fermezza, evitare di affrontare la realtà non l'aiuterà a migliorare il suo umore ne ad affrontare le cose pratiche derivanti da questa situazione. L'intervento di uno psicologo potrebbe essere d'aiuto per entrambi. Auguri

(risponde la dott.ssa Assunta Consalvi)

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni