Pubblicità

Identità di genere (134999)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 29 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lisa 22

Salve, sono una ragazza di 22 anni, eterosessuale al 200% e vorrei avere un parere circa la mia avversione verso l'identificazione con il sesso femminile, anzi a essere precisa la mia repulsione verso l'idea di doversi necessariamete identificare con un sesso, rifiuto l'idea di essere incasellata in una categoria: una di sole 2 mi chiedo come sia possibile suddividere così l'essere umano e classificarlo in "uomini" & "donne" senza tener conto dell'individualità del soggetto.

Da sempre mi sono trovata ad avere più affinità con il sesso maschile (per come viene definito dalla società), non solo in termini di qualità di rapporto tra me e il sesso opposto ma anche in qualità di preferenze, gusti personali, modi di agire, pensare, scherzare, temperamento. A 8 anni ho avuto una crisi di identità sessuale: volevo cambiare sesso, mi travestivo e dicevo in giro di essere un bambino, la trovavo una comoda via d'uscità da certe imposizioni che non condividevo perchè non mi appartenevano. Il "travestimento" è durato 9 mesi anche perchè avevo capito che quello che volevo era solo esprimere me stessa in qualità di singolo individuo e non essere un maschio. Da lì è cominciata una lotta antisessista verso la società che in pochi comprendevano e appoggiavano.

Dunque finchè sono solo belle teorie la cosa non sfocia in un "disagio" ma quando diventa una cosa snervante e molto fastidiosa addirittura da non voler ascoltare più niente e nessuno comincio a sentirmi un po' estrema nella mia sovversione.

Trattasi di una lieve forma di DIG? O semplicemente sono solo parecchio arrabbiata per sentirmi continuamente attribuire dalla società pregi e difetti che non mi appartengono in base al mio sesso? Infine: non sopporto la vista di un corpo di donna nudo, provo una specie di disgusto infinito, va bene essere etero ma la mia repulsione va oltre il semplice "che schifo, non andrei mai con una donna".

Grazie in anticipo. Saluti, L.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Cara Lisa, dal racconto si evince che la tua sessualità non è vissuta serenamente e che hai dei risvolti sociali non ben identificati. Per risolvere il tuo quesito ti consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti nella tua evoluzione socio sessuale, in special modo nel non sentirti più identificare in un sesso o in un altro, ma essere donna poichè il tuo corpo, almeno da quello che si evince è femminile e non mostra segni transessuali. Auguri.

 

(Risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 18/06/09

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters

0
condivisioni