Pubblicità

Identità sessuale (157108)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 74 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Veronica, 21

 

Gentile Dottore,
mi chiamo Veronica e ho 21 anni.
Nella mia vita ultimamente si è creata un pò di confusione, ho sempre vissuto convinta di essere eterosessuale, ho sempre avuto rapporti con ragazzi.
La cosa che non sono mai riuscita a capire, è perchè dopo un rapporto con un ragazzo, mi veniva da piangere, oppure non avevo voglia, mi sentivo fuori luogo, e talvolta venivo presa da attacchi di ansia. Già dallo scorso gennaio inoltre, non ricevevo più nessuno stimolo nè sentivo attrazzione verso i ragazzi. Mi sono accorta poi, di provare interesse per le ragazze, inizialmente per una mia amica, ma pensando che fosse un periodo, lasciai perdere.
Sin quando non iniziai ad uscire con un altra ragazza, con cui ho tutt'ora un rapporto. Durante i rapporti non mi sento più fuori luogo nè opressa o costretta. E quello che provo con lei, posso dire di non averlo mai provato con nessuno.
Ciò che mi tormenta in questo rapporto, è il fatto che non sò più chi sono, non riesco ad identificarmi. Mi piacciono le ragazze e uscivo con i ragazzi solo perchè mi sembrava giusto così? Oppure può capitare che questo sia solo un periodo e un giorno io smetta di provare attrazzione per lei? Non vorrei davvero farla soffrire e ho paura perchè, davvero, non mi capisco.
Vi ringrazio.

Cara Veronica,
dal racconto si evince che il tuo orientamento sessuale lo hai ben chiaro poichè con i ragazzi non provi nessuna attrazione sessuale anzi provi disturbi ansiogeni.
Con la ragazza hai trovato la tua Giusta identificazione? Da come descrivi il rapporto posso affermare che in questo momento è si, ma credo che per quanto riguarda la durata della relazione nessuno può quantificarla poichè questo non è possibile in nessun tipo di relazione.
Per avere maggior serenità e chiarezza interna e psicologica ti consiglio di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a intraprendere la tua giusta strada sia esistenziale sia sessuale.
Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 04/01/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni