Pubblicità

Il mio miglior amico (130693)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 34 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca 27

Salve a tutti, come richiesto mi descrivo brevemente prima di passare al problema sul quale vorrei un parere. Mi chiamo Francesca ho 27 anni sono laureata e felicemente fidanzata da circa 4 anni con quello che potrei definire il classico bravo ragazzo, più giovane di me di 5 anni. Il problema è il mio miglior amico (omosessuale) mio coetaneo, carino, brillante, estremamente intelligente anch'egli ha un compagno, ci conosciamo da sette anni. Tra di noi c'è sempre stato un rapporto che definirei particolare, proviamo un'attrazione l'una nei confronti dell'altro spaventosa siamo come due calamite... in realtà in questi anni ed in particolare negli ultimi mesi qualcosa tra noi c'è stato. Non abbiamo mai avuto un rapporto completo ma baci e carezze molto intime si ed in abbondanza. A settembre durante un nostro incontro lui in una maniera assolutamente tranquilla e candida mi ha chiesto di fare sesso. Di fronte a quella richiesta così esplicita mi son trovata molto imbarazzata, di solito prima se accadevano le cose tra noi accadevano e basta senza parlarne. Presi tempo gli dissi che forse non era il caso visto che entrambi eravamo sentimentalmente impegnati i nostri partner si conoscono bene, usciamo spesso insieme si sarebbe potuta creare una situazione davvero imbarazzante. Tutto questo non lo ha scalfito minimamente ha continuato nei giorni successivi a mandare messaggi ed email sempre con la stessa richiesta, preciso che quando vuole una cosa diventa un martello pneumatico. Alla fine non è successo perchè ho avuto troppa paura che il nostro rapporto di amicizia ne potesse risentire. Ma ora me ne sono pentita amaramente! Sento in me forte il desiderio di voler stare con lui... che devo fare? Da un lato vorrei lasciarmi andare a questo mio desiderio dall'altra però ho paura innanzitutto di sentirmi in colpa nei confronti del mio fidanzato e poi ovviamente ho paura che il rapporto di amicizia possa cambiare... che guaio!!! Datemi una mano a capire per favore!!!

Cara Francesca , affermare che sei felicemente fidanzata, dal racconto si intravede il contrario, o perlomeno non hai ben chiaro cosa è la fedeltà o l'ambiguità di coppia. Già avere l'uomo più giovane di 5 anni mi fa riflettere su come il vostro rapporto possa essere equilibrato infatti la donna risulta più matura a parità di età se non superiore figuriamoci con l'uomo molto più giovane, quindi la relazione è da verificare nel suo insieme. Il pentimento viene dopo aver esaudito il desiderio, che per questo non mi scandalizzo in quanto sono abbastanza laico su questioni sessuali, ma una cosa devo affermarla che la relazione tua non ha i presupposti per durare nel tempo quindi ci sono varie cosette da rivedere. Consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta affinchè tu possa fare le giuste scelte in base ai deisderi ed emozioni valutando il grado di fedeltà che puoi garantirti. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)


Pubblicato in data 05/02/09

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

News Letters

0
condivisioni