Pubblicità

Impotenza (069140)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 58 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefania 33 anni, 2.01.2004

Non è facile esprimere in poche righe la frustrazione che sto vivendo da circa due mesi. Sono fidanzata da 6 mesi con un mio coetaneo.
Va tutto a gonfie vele, eccetto i nostri rapporti sessuali. Il mio fidanzato non riesce ad avere erezioni!!E stato dal suo medico di famiglia per escludere eventuali cause fisiologiche.
Il medico stesso ha escluso possibili malattie e ricondotto il tutto ad eventuali cause psicologiche.Il rapporto come dicevo, è molto serio, abbiamo dei progetti comuni tipo matrimonio.
L'unico neo , forse, è il rapporto amore-odio che ha con i genitori.
E figlio unico, la madre a causa del fallimento di un attivita di famiglia, si è ammalata di depressione.
Oggi sta benissimo ed ha superato la malattia.
Il mio fidanzato ha sofferto parecchio per questo, e tutt'ora accusa il padre dell'accaduto. Inoltre, nonostante sia figlio unico, i genitori non hanno per lui particolari attenzioni, un esempio: non gli fanno il regalo a Natale. e una situazione familiar e un po bizzarra, in effetti. Non so se questo sia riconducibile al nostro problema.
Sto pensando a tutto, non ultimo mi faccio una valanga di idee negative circa il suo amore per me!! Non riesco ad aiutarlo, anche perche non e facile affrontare una simile cosa, penso anche che sia dipeso da me, penso di non essere sufficentemente attraente.
Mi faccio prendere dallo sconforto, e non nego di farlo apertamente con lui.
So di sbagliare.
Prima di rivolgerci ad uno psicologo ho pensato al Vs staff medico, di cui ho sentito parlare un gran bene. Mi potete aiutare?Vi ringrazio anticipatamente. Spero di essere stata chiara nell' esposizione del problema.

Cara Stefania avrei preferito che ti fossi dilungata di più sulle manifestazione della sintomatologia che non, come hai fatto, a cercare di fornirmi le eventuali cause che possono averla determinata.
Il mio intervento in questo caso si limita soltanto a suggerirvi di rivolgervi ad un sessuologo sempre che il parere del medico curante, che esclude cause organiche, non è frutto di un'indagine troppo affrettata, comunque, di questo potrete parlarne con lo specialista che consulterete.
Se non sapete a chi rivolgervi potete consultare il sito di "psicologi italiani" dove troverete l'elenco dei professionisti divisi per regione. Comunque trovo giusto fornirti alcune informazioni in merito a questa sintomatologia. Incominciamo con il dire che può essere di due tipi: primaria e secondaria.
Si parla di deficit erettivo primario quando la manifestazione è presente dall'inizio dell'attività sessuale del soggetto, di deficit erettivo secondario quando la sintomatologia compare ad un certo punto dell'attività sessuale dell'individuo e questa è la forma più comune. Esiste anche un altro tipo di classificazione che ci permette di discriminare un deficit erettivo permanente da uno situazionale.
Si parla di permanente quando la sintomatologia è presente in tutte le situazioni e con partner diverse.
Parliamo di deficit situazionale quando la sintomatologia si presenta soltanto con alcune persone o in determinate situazioni.
Come già detto le cause possono essere di natura organica o di natura psichica. Un rilievo importante nell'insorgenza della sintomatologia c'è l'hanno anche l'uso eccessivo di droghe, di alcool e di alcuni medicinali. Auguri
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità anche quando ciò si traduce in si...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

News Letters

0
condivisioni