Pubblicità

Impotenza (123420)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 40 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Alessandro 22

Salve, sono stato fidanzato con la mia ragazza per 6 anni; purtroppo meno di un anno fa lei è scomparsa a causa di un tumore. La nostra intesa sessuale era perfetta e mai avevo avuto problemi di erezione se non in un caso, all'età di 14 anni , ma non con lei con una mia precedente compagna. La mia vita sessuale, cominciata abbastanza presto, mi ha sempre soddisfatto, ma da quando lei se ne è andata, problemi di erezione continuano a perseguitarmi. Con la prima ragazza dopo di lei ho avuto un regolare rapporto sia a livello vaginale che anale, solo che questo primo rapporto mi ha traumatizzato un po. Per tre giorni non sono uscito di casa, mi sentivo in colpa e per mesi non ho toccato una donna. Quando credevo che fosse giunto il momento ho provato a frequentare altre ragazze, ma i risultati sono stati catastrofici. Fino a quando si è trattato di rapporti orali il mio pene ha raggiunto l'erezione tranquillamente, quando poi ho deciso di avere rapporti completi il mio pene non ne ha voluto sapere, appena indosso il preservativo l'erezione scompare. A volte non sono riuscito nemmeno a raggiungerla, tutto questo va avanti da circa 5 mesi. Al momento sono fidanzato con una ragazza bellissima, esteticamente un angelo, mi fa impazzire , di lei amo tutto e con lei sono riuscito ad avere tre rapporti completi (caso unico), al che credevo che il problema si fosse risolto, e invece proprio due giorni fa l'impotenza mi ha colpito di nuovo! Mi sento malissimo, sono in uno stato psicologico pietoso, il sol pensiero di non poterla accontentare sessualmente mi fa morire, lei dice di amarmi e che le precedenti volte è stato stupendo, ma io come posso fare? C'è un rimedio a tutto questo? La mia autostima è sotto i piedi, mi sento di morire, mi sono sempre sentito un grande dal punto di vista sessuale e ora mi ritrovo ad avere di questi problemi! Vi prego di darmi una risposta visto che credo di non avere problemi organici di alcun genere e che il mio problema sia esclusivamente psichico. Grazie!

Caro Alessandro, non posso sapere se il tuo problema è di tipo esclusivamente psicologico o no, intanto puoi andare dal tuo medico di base e farti fare la ricetta per effettuare analisi del sangue, ormonali ed una visita da un andrologo al quale sottoporre i risultati. Effettivamente, un'erezione che regge alcuni tipi di rapporti (orali) e non altri, fa pensare ad una difficoltà psicologica, ma meglio fare tutti gli esami del caso. Qualora il problema si rivelasse fisiologico, ti consiglierà il medico; se invece dagli esami non emergesse niente, dovrai rivolgerti ad uno psicologo. In ogni caso coinvolgi la tua fidanzata in questo percorso, esponile i tuoi dubbi, raccontale che l'autostima è calata drammaticamente ma che vuoi porre rimedio a questa cosa quanto prima, per te e per lei. Vedrai che in questo modo ti sentirai subito meglio e può darsi che il problema scompaia. Io sono dell'opinione che un paio di colloqui convengano sempre, per capire cosa è successo ed imparare delle tecniche per fronteggiare eventuali difficoltà future.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 01/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

News Letters

0
condivisioni