Pubblicità

Impulsi omosessuali(163626 )

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 393 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Maria, 22

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza giovane, avrei davvero bisogno di un parere. fin da bambina, ho sempre avuto delle "cotte", ovviamente non caratterizzate da impulsi sessuali, anche molto intense, sempre nei confronti di ragazzi, mai di ragazze. Quando ho cominciato a svilupparmi sessualmente mi sono resa conto, talvolta, di eccitarmi con immagini femminili, ma si trattava sempre di immagini molto esplicite, in particolar modo mi turbavano molto immagini e video di rapporti omosessuali tra donne. Nonostante questi impulsi i ragazzi mi sono sempre piaciuti, me ne sono innamorata, ho provato attrazioni molto forti anche nei loro confronti, e soprattutto non mi sono mai sentita attratta da una ragazza "vera", una mia amica o una persona conosciuta, notata, contrariamente a quello che avviene con i ragazzi. Mi eccitavo di fronte a donne in tv o su riviste intente in atti sessuali espliciti, o di seduzione. Negli anni questi impulsi hanno fatto un po' vai e vieni. Il mio rapporto con gli uomini è molto soddisfacente dal punto di vista sentimentale: provo emozioni molto forti, amore, desiderio di condivisione, tenerezza, eccitazione, fremiti a ricevere un messaggio, a parlare, a cercare uno sguardo o un contatto! Ma ho qualche disturbo sessuale. Ho un po' di difficoltà ad avere orgasmi e non ne ho mai avuti durante un rapporto sessuale, se non con stimolazione esterna, anche se il sesso mi piace. Ultimamente, per caso, ho cominciato anche a frequentare dei siti di pornografia lesbica e devo dire che certe immagini continuano ad eccitarmi moltissimo, anche se come ho detto le fasi di questo tipo di impulsi sono molto altalenanti. Mi eccitano in un modo che con i ragazzi non provo, che non è per forza un modo migliore ma semplicemente diverso. Questa "attrazione" dei confronti di certe scene è puramente sessuale. Con i ragazzi è un eccitazione più ad ampio spettro, con eccitazione sessuale accompagnata da tutti i sintomi della presenza di un sentimento, pelle d'oca, brividi, morsi allo stomaco... Io non penso che avrei problemi ad accettare un'omosessualità. Non ho mai desiderato una famiglia, ho dei genitori molto moderni, ma non è quello che desidero! Io voglio un ragazzo al mio fianco, so cosa vuol dire amare e perdere la testa e soffrire, e le donne non possono darmi questo! Però questa eccitazione così pura, con gli uomini non la riesco a provare, non così facilmente, e ho paura che questo possa rovinare alla lunga le mie relazioni! E' una sorta di perversione, magari collegata all'eccitazione di vivere una situazione ambigua, proibita, diversa. Ci tengo a sottolineare che questa cosa mi succede solo davanti a scene di esplicita omosessualità. Se guardando un film vedo un uomo e una donna che si baciano, vorrei essere la donna e mai l'uomo (è un modo stupido di esprimere il concetto ma potrebbe essere efficace). Mi farebbe molto piacere avere qualche consiglio.

 

Gentile Maria,
il disturbo evidenziato si chiama anorgasmia. Dalla descrizione che fai delle tue emozioni e riflessioni si intravede una non chiarezza sul tuo orientamento sessuale. Consiglio un consulto con uno psicoterapeuta sessuologo iscritto alla FISS che può aiutarti a individuare non solo l'orientamento sessuale ma soprattutto a risolvere il problema di anorgasmia che come tecnica si svolge in coppia. Inoltre devo sfatare la leggenda metropolitana fra orgasmo clitorideo e vaginale poiché se si osserva bene la fisiologia essi sono in simultanea. Auguri


(Risponde il Dott. Sergio Pugelli)

Pubblicato in data 16/10/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters

0
condivisioni