Pubblicità

Incesto? (123130)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 638 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sergio 25

Salve, sono Sergio, ho 25 anni e vi scrivo perchè ho un dubbio che mi assilla da qualche tempo. Ripensando alla mia infanzia infatti mi è capitato di ricordare che, all'età di 4-5 anni, insieme a mia sorella di quasi 3 anni più grandi di me, abbiamo qualche volta praticato dei giochi sessuali: in particolare mi ricordo di aver toccato con il mio pene le sue grandi labbra, cercando di scoprire a cosa servissero entrambi le parti anatomiche, non sapendo ancora nè io, nè mia sorella, come nascessero i bambini. Ripensando a questi fatti rimango spesso scandalizzato e, anche se non vi è stato alcun abuso, mi domando se si possa parlare di incesto, dato che tali giochi sessuali sono avvenuti tra me e mia sorella. Dovrei preoccuparmi? Vi prego rispondetemi, grazie.

Caro Sergio, i giochi da te descritti sono molto diffusi e credo che li abbiano fatti quasi tutti durante l'infanzia; chi di noi non ha mai giocato al "dottore e l'ammalato"? La scoperta del corpo, purtroppo spesso, viene scoperta senza che nessuno educhi o spieghi, poichè sia la famiglia sia la scuola non sono preparati per una simile spiegazione educativa. Quindi non preoccuparti per questi pensieri, non c'è stato incesto, ma solo un gioco innocente fra bambini; se poi desideri avere maggior delucidazioni e chiarire la tua parte psichica consiglio uno psicologo psicoterapeuta. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 26/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

News Letters

0
condivisioni