Pubblicità

incesto (42390)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 234 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Erika, 19anni (27.8.2001)

Sono una ragazza di 19 anni, vivo con i miei genitori in famiglia, ho un fratello di 15 anni e lavoro come centralinista.Ho ricevuto dalla mia famiglia un'educazione basata sui principi cattolici, ho un fidanzato con il quale ho dei normali rapporti sessuali circa uno alla settimana.Circa 6 mesi fa' ho visto per sbaglio mio fratello in camera sua che si masturbava, sono rimasta a spiarlo tutto il tempo, i giorni seguenti ero assillata da quel pensiero, pensare a questo mi faceva eccitare.
Chiesi al mio ragazzo di masturbarsi davanti a me prima dei rapporti sessuali dicendo che mi eccitava ma mi accorsi che non mi dava la soddisfazione che avevo ricevuto spiando mio fratello, ero giunta alla conclusione che desidaravo mio fratello.
Dopo due mesi di spiate e di fantasie perverse, un giorno siamo rimasti soli in casa, eravamo sul divano ed io lo provocai toccandolo, alzandomi la gonna finche' capi' e subito arretro' come inorridito ma dopo cedette alle mie avance, con lui ebbi dei rapporti orali e dei rapporti sessuali completi, il piacere che ne traevo era enorme e le settimane avvenire lo rifacemmo sempre piu' frequentemente.Passati questi mesi non riesco piu' a pensare ad altro, il mio fidanzato non lo sa' e non lo sapra' mai, ma io non riesco a resistere, sento il bisogno di fare sesso con il mio fratello, che e' sempre disponibile con me a farlo.Sono malata? Sono una Pedofila che va' con un 15enne? Sono Pazza? oppure il mio e' un comportamento diffuso ma taciuto?Ho paura di andare da uno psicologo, non vorrei fossero coinvolti ed informati i miei genitori.

Cara Erika non so dire se è un comportamento diffuso e taciuto mi auguro che non sia così. E' sicuramente una cosa non sana quello che avviene tra te e tuo fratello; senza usare eufemismi ciò che avviene tra voi è un incesto. Dovresti porre il prima possibile fine a tutto, non solo per la morale, ma per le consceguenze che ciò può avere sulla psiche di tuo fratello confondendo i ruoli, ed anche per te avere dei rapporti non protetti potreste incorre in una gravidanza e mettere al mondo un figlio non sano. Rapporti sessuali tra parenti portano al nascita di bambini malformati o comunque se decidessi di abortire ti troveresti a vivere una tra le peggiori esperienze che una donna possa avere.
Se, inoltre, tale situazione venisse a galla tu ti troveresti in grossi guai, perché comunque tuo fratello è un minore ed è considerato un soggetto non maturo per poter scegliere liberamente di avere rapporti con sessuali persone adulte.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni