Pubblicità

Incompatibilità sessuale (116619)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 36 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giacomo 30

Dopo un mese e mezzo mi lascia per incompatibilità sessuale, in altri termini dopo 4 volte che siamo stati insieme e che io ho avuto problemi di erezione mi lascia con questa motivazione. Premetto che in passato qualche defaillance l'ho avuta, ma sempre risolta tranquillamente, ovvero con il dialogo, con giochi erotici etc., niente di grave insomma. Lei, storia di convivenza durata 4 anni finita per problemi di sesso. A sentire lei, dopo un anno di intesa con il suo ragazzo gli altri tre anni sono passati a cercare di ricostruire l'idillio perduto fino a quando non ce l'ha fatta più, l'ha tradito, lui l'ha scoperta e l'ha lasciata. Lui dopo poco ha avuto un figlio con un'altra. Lei mi lascia dicendomi che ha paura di rivivere le stesse cose che ha passato, ma io non mi do pace perchè penso che se mi volesse veramente bene non mi giudicherebbe dopo così poco tempo, non so che pensare. So solo che mi sento umiliato, mi ha messo nella condizione di sentirmi impotente. Vorrei stare con lei, ma non ne vuole più sapere. Me ne ha dette di tutti i colori: che le donne con cui sono stato fingevano l'orgasmo, che con gli altri lei sentiva io invece anche quando ero 'su' per lei non era duro abbastanza. Fin dalla prima, mi ha detto che lei raggiungeva l'orgasmo solo se lei stava sopra ed io proprio in quella posizione non sentivo e di conseguenza.... Mi ha lasciato dicendomi che il 50% di me le piaceva ma l'altro 50%, il sesso, non andava e non sarebbe migliorato secondo lei perchè il sesso dovrebbe avvenire in maniera spontanea tra due prsone che si conoscono da poco e si piacciono. Come per dire: "Il buongiorno si vede dal mattino". Inoltre, per lei il sesso viene messo al primo posto come fattore determinante in un rapporto visto i suoi digraziati precedenti. Non so come sentirmi, sto giù perchè l'ho persa per questo motivo, perchè mi piace, perchè mi manca e anche perchè ho paura adesso per i futuri rapporti; sto veramente male aiutooo! Scusate se mi sono dilungato troppo, grazie in anticipo per una vostra risposta.

Caro Giacomo, dalla descrizione della storia si percepisce che la tua ragazza era tutto fuorchè innamorata, poichè non ti ha aiutato a superare il primo ostacolo dovuto ad impotenza per ansia da prestazione. Non vorrei deluderti nel dire che è stato meglio così, perchè quando una donna come un uomo, mette al primo posto il sesso significa che i sentimenti sono dei burattini che si possono manovrare a piacimento e se non era prima, era poi. Qualche delusione tipo il tradimento sarebbe emersa. Altro punto: la posizione durante il rapporto non si definisce per regola, ma avviene durante il gioco erotico sempre esaltando quella che più piace alla coppia. Come consiglio, posso dirti che per affrontare meglio altre storie potresti iniziare una psicoterapia individuale per capire le ansie che ti assalgono durante il rapporto. Sarebbe meglio se avessi una compagna stabile che non metta il sesso al primo posto. Se il disturbo dovesse perdurare ci vuole una terapia dal sessuologo. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 16/04/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters

0
condivisioni