Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Insicurezza, sessualità indefinita per mancanza di esperienze (1102026)

on . Postato in Sessualità | Letto 5 volte

Gabriele 21

Ciao, mi chiamo Gabriele, ho 21 anni, frequento l'università ed una scuola di musica. Sono una persona che teme il giudizio degli altri e che fa di tutto per apparire in un determinato modo che nemmeno io so spiegare. Mi faccio paranoie incredibili: So di essere un bel ragazzo, anche perchè in molte me lo confermano, ma la gente crede che io sia gay; lo capisco dai loro sguardi dalle battutine che fanno; è come se tutti conoscessero la mia identità sessuale tranne me! La cosa non dovrebbe toccarmi ma il fatto è che ogni volta che esce l'argomento "gay" con persone che non conosco bene (non con i miei amici d'infanzia) divento tutto rosso e cerco immediatamente dell'acqua. Arrivato a 21 anni non sono ancora riuscito a trovare una ragazza con la quale instaurare una relazione di base duratura che non siano le 2 ore passate in discoteca e ancora non sono "diventato un ometto". Se una ragazza sessualmente appetibile mi guarda intensamente, come qualche volta capita, io non faccio nulla per instaurare un dialogo con lei, non ho la faccia tosta di presentarmi; e cosa le potrei mai dire? "Ciao ho visto che mi guardavi!"; insomma non ci so proprio fare con le donne...ora passiamo agli uomini... Quando passa un ragazzo obbiettivamente bello per strada non mi fa ne caldo ne freddo, ma quando un gay flirta con me ridivento rosso! forse sono omofobico?! Non nego di aver avuto dei dubbi sulla mia sessualità; il rapporto con mio padre non è un granchè, lui è introverso come me, non parla moltissimo e le massime manifestazioni d'affetto giornaliere che ha con me sono parlarmi di musica o di film; mai un abbraccio o una carezza, una pacca amichevole, non mi chiede mai niente della mia vita universitaria insomma disinteresse totale; solo una volta di natale fece regali a tutti a casa, e mi abbracciò piangendo dicendo che mi voleva bene; in quell'istante mi sono sentito fiero di essere suo figlio. Ma i rapporti vanno mantenuti e conservati e nel frattempo la mia insicurezza cresce...non so se siano riflessioni senza senso, magari invece di farmi tutte queste paranoie dovrei cacciare soltanto di più "i cosidetti" e svegliarmi. Il fatto è che se non trovo una ragazza con la quale confrontarmi emotivamente e sentimentalmente non avrò mai chiara la mia sessualità! Scusate questo è più uno sfogo che una domanda ma ho provato a parlarne con un amica che però ci ha riso su e non ha colto il mio intento...e ai miei genitori non saprei cosa dire.."Mamma finquando non trovo una ragazza non so dirti se sono gay o meno?! "Per questo gradirei un parere di un esperto. Vi ringrazio del tempo concesso

Salve gabriele, le sue sono riflessioni lecite di una persona sensibile che vuole capirci qualcosa, quindi non si preoccupi di questi suoi pensieri, nel senso che a volte alcune cose ci accadono in automatico e neanche ce ne rendiamo conto, su altre cose invece dobbiamo pensare magiormente, riflettere e magari sperimentare per capire quali sono i nosti gusti.... quindi si lanci in quel che crede possa fare per lei e provi a sperimentare, cercando per quanto possibile di mettere da parte il giudizio altrui ma di concentrarsi sopratutto su quello che lei vuole....infatti facendo il contrario perderà sempre più di vista i suoi veri bisogni ma si adatterà a quelli altrui. Se continuasse ad avere dei dubbi così forti provi a considerare l'ipotesi di un supporto psicologico, eventualmente parli di questo con i suoi, quanto a suo padre non credo che il vs rapporto abbia qualche legame con una eventuale omosessualità. Spero di averla in parte sostenuta.

(risponde la dott.sa Benedetta Mattei)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

News Letters