Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Interesse per i transessuali (116539)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 20 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Heidi 33

Buongiorno, dopo cinque anni insieme, di cui cinque mesi di matrimonio, scopro che mio marito è un assiduo frequentatore di siti pornografici, in particolar modo quelli di transessuali. Ho addirittura scoperto una videochat proprio con un transessuale, in cui mio marito mostra il pene in erezione a questa persona e dichiara, senza alcun dubbio, il forte interesse ad un rapporto di sodomia attiva, rendendosi immediatamente disponibile qualora questo transessuale avesse acconsentito. Purtroppo non so come sia andata a finire, ovvero se si siano visti o meno, ma considero il sesso virtuale come un tradimento. Ciò che vorrei sapere da voi è il perchè di questa doppia vita. Cosa trova di così interessante nei transessuali? Perchè questa ossessione per i siti pornografici? Come considera la mia figura in termini sessuali? Effettivamente i nostri rapporti non sono molto frequenti e le sue richieste di sodomizzarmi non sono rare. Mio marito ha trent'anni ed ha una buona posizione lavorativa in una multinazionale. Ultimamente il nostro rapporto è molto in crisi ma questa ricerca di pornografia è partita diversi anni fa ed ha, ahimè, accompagnato tutta la nostra storia. Grazie.

Cara Heidi, dal racconto posso dire che tuo marito soffre di pictofilia, parafilie non altrimenti specificate, che comprendono coloro che sono frequentatori di film pornografici. Le richieste fatte all'interno della coppia probabilmente ripropongono ciò che lui ha visto e il comportamento descritto nel racconto è classico; se poi è attratto dai film con transessuali si spiegano ancor più chiaramente le sue richieste. Come consiglio propongo di non accettare rapporti non condivisi, poichè si creano delle violenze che a lungo andare incidono sulla personalità; come seconda cosa consiglio di rivolgervi ad un sessuologo per capire quelle che sono le dinamiche che si svolgono all'interno dei vostri rapporti, ma credo che soprattutto tuo marito deve sottoporsi ad una psicoterapia per chiarire la sua identità. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 13/04/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di non trovare mai il…

Kikhi, 26     Salve... ho paura di non trovare mai il mio posto. ...

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters

0
condivisioni