Pubblicità

Iperattività (008430)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 33 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luisa, 51 anni

Salve dottore. Da tre anni so che mio marito è omosessuale.
Siamo anche andati dallo psicologo il quale ci ha ricevuti separatamente. Durante il mio colloquio col medico ho saputo che mio marito ha negato a spada tratta questo suo problema accusandomi di avere una sorta di depressione da menopausa. Fortunatamente io avevo prove scritte, ed altro.... che ho messo sul tavolo dello psicologo il quale ha capito di essere stato messo
nel sacco come me. Ho sofferto da morire e ho capito che la depressione mi stava venendo veramente.
Ma siccome credo di volermi molto bene ho interrotto qualsiasi controllo nei riguardi di mio marito e ho steso un velo pietoso
su questa benemerita schifezza. Non voglio e non merito più di stare tanto male(mi facevo pena da sola).Faccio la moglie per sbarcare il lunario come lei fa lo psicologo.
Il problema che è sorto ora è un altro: sono attanagliata da una fortissima forma di iperattività, non riesco più a stare ferma, studio turco, dipingo dovunque mi capita, cucio borse e collane, cucino, ballo danza del ventre,nuoto, scio,guido la moto, guido la barca, imbianco, restauro,studio astrologia......frequento un corso d'arte e chi più ne ha più ne metta.
Arrivo alla sera che sono stremata..e dormo malissimo. Lasciamo perdere il sesso. Quando lui mi viene vicino mi sembra di essere messa al rogo...caldane allucinanti...Ero una donna normalissima con bellissimi orgasmi e per giunta manco poi cosi brutta.Niente da fare terra bruciata anche qui.
Peccato.Lui dice di volermi bene ma si appoggia a me in tutto e per tutto. E poi quando me lo dice è come se mi dicesse che
fuori piove..... Io credo si tratti di una sorta di fuga da una realtà. A livello razionale sono riuscita a sopravvivere ma c'è una parte di me che sta rifiutando questo compromesso. Lei che ne pensa? Forse mi serve un fidanzato?? O magari è proprio la menopausa??? Non ci penso proprio a separarmi dopo tutto quello che ho dato in tutti i sensi. E se lo facessi fuori???
Scherzo...e grazie per la risposta.

Gentile signora Luisa, mi sembra che la risposta che si è data sia la più vicina a quella che probabilmente è la realtà. È rimasta con suo marito nonostante la sua omosessualità, e nonostante nutrisse quasi disprezzo nei suoi confronti.
In un certo senso si è costretta a fare qualcosa che non voleva fare.
E adesso questa iperattività è come un campanello d'allarme, qualcosa che sta cercando di avvertirla che non va bene. Non posso dirle di lasciare suo marito, perchè sarebbe un consiglio oltremodo invadente.
Vorrei però suggerirle di occuparsi maggiormente di sé, e non con corsi di astrologia, pittura e quant'altro, ma ascoltando ciò che sente, ciò che prova, se c'è un dolore che sta cercando di farsi sentire ma non viene ascoltato.
L'idea che mi ha dato è proprio questa. È un processo difficile, sicuramente, ma anche ricco di soddisfazioni.
Può farsi aiutare, in questo, da uno psicoterapeuta. È una strada che percorrerà meglio, se in compagnia di qualcuno che la conosce già. Moltissimi auguri

( risponde la dott.ssa Serena Leone )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

News Letters

0
condivisioni