Pubblicità

Mancanza di desiderio (079673)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 42 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giada, 22 anni


Gentili dottori, ho un problema che mi porto dietro da circa un anno e mezzo/due.. Sto con un ragazzo da 3 anni e 5 mesi.Lui è stato il mio primo vero ragazzo,con cui ho avuto il primo rapporto dopo un mese che stavamo insieme...all'inizio facevamo l'amore spessissimo,anche sperimentando nuove cose,nuove emozioni...ma ad oggi tutto questo non c'è più completamente.io prendo la pillola da quando ci siamo messi insieme(ho iniziato a prenderla un mese dopo), e mi chiedo se è possibile che questa diminuisca o incida così tanto sul desiderio!Non so perchè, ma io non ho voglia,l'idea di "aprirmi" mi da fastidio..Non so se il fatto che alle elementari il mio mestro ci toccava può disturbarmi..ma non ne sono rimasta scioccata,ora come ora penso che schifo, ma quando ero piccola non ne ero molto consapevole,in più con mio fratello giocavamo al "dottore" ma senza violenze..Io e il mio ragazzo non ci siamo mai lasciati,nè abbiamo vissuto tradimenti, quindi non ci sono episodi sconvolgenti nella nostra storia, si è un pò evoluta come tutte le storie.
All'inizio ci siamo allontanati dagli amici (e questo a me pesava),anche se adesso la nostra vita sociale non è male, abbiamo raggiunto un equilibrio.stiamo bene insieme,siamo simili ma al contempo diversi,ultimamente ci pizzichiamo come mai avevamo fatto.Gli ho detto che stiamo diventando nevrotici. Premetto che sono una persona che è un pò(a parer mio)improgionata nelle
gabbie mentali,mi faccio 3mila fisime,a partire dall'igiene(una volta sul più bello gli ho detto di andarsi a lavare le mani!),e anche quando abbiamo rapporti la mia mente non riesce a volare..possibile che anche lui non riesca a farmi rilassare?A farmi eccitare?
adesso non so che fare:lasciarlo o provare altre vie:smettere la pillola,andare da uno psicologo(anche se preferirei una donna:cercherò un'alleata??!).Lui ci sta male, ma mi ama così tanto che sopporta anche questo:è veramente un angelo.Ma il mio corpo non reagisce, anzi rifiuta. Grazie mille.

Gentile Giada, tenderei ad escludere che possa essere la pillola anticoncezionale a causarle una carenza di desiderio così forte.
È vero che può influire, ma, soprattutto per quanto riguarda le pillole di ultima generazione, quest'influsso è estremamente lieve, se non nullo. Le consiglierei quindi di vedere altrove se ci sono dei problemi che possano causarle la carenza di desiderio di cui mi parla.
Ciò che mi ha scritto rispetto al suo maestro, o a suo fratello potrebbero essere parte del problema, oppure no. Magari c'è un motivo per il quale questi eventi hanno cominciato solo ora a causarle dei problemi, dato che mi sembra che in precedenza non lo facessero. Mi sembra che sia buona la sua idea di andare da uno psicologo, che sicuramente potrebbe aiutarla ad analizzare il problema in profondità.
Potrebbe anche valutare l'idea di coinvolgere il suo ragazzo in una terapia, nel caso ritenesse che i suoi problemi di desiderio possano derivare da qualcosa interno alla coppia. In genere i disturbi della sessualità fanno capo a problematiche di coppia, piuttosto che individuali. Ma, visto che ci sono sempre delle eccezioni, valuti lei cosa è meglio fare.
Le faccio i miei migliori auguri.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

News Letters

0
condivisioni