Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

mancanza di desiderio (47757)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

Cinzia, 36anni (28.1.2002)

Buongiorno, mi chiamo Cinzia, ho 36 anni un matrimonio fallito alle spalle da cui è nata una magnifica bimba che adesso ha 7 anni. Circa due anni fa ho conosciuto una persona, con cui ho vissuto una bellissima storia d'amore, relazione che sta continuando tutt'ora ma con enormi difficoltà da punto di vista sessuale. Mai credevo si potesse vivere una relazione di coppia così straordinaria dal punto di vista interiore e nello stesso tempo così contrastata dall'aspetto sessuale. La prego ci aiuti, lo so che siamo 2 persone tra mille, ma siamo visceralmente legati e al tempo stesso dilaniati da questo problema. Il mio compagno ha 40 anni e non ha mai avuto una relazione duratura, mai niente durato più di sei mesi. Ha un problema estetico, un grosso angioma gli copre metà volto, ma questo non mi ha impedito di innamorarmi di lui perdutamente. Questo per lui, non è mai stato fonte di problemi con le donne, o meglio, ha avuto moltissime relazioni con donne belle e affascinanti, quasi dovessero compensare questo suo problema e relazioni sessuali breve ma intense. Tra di noi l'intesa sessuale iniziale era molto appassionante ed intensa. Lui mi ripeteva incessantemente quanto fosse bello fare l'amore con me , che a dispetto di coppie di amici che i dicevano che prima o poi tutto si sarebbe normalizzato ed appiattito a noi questo non sarebbe successo. Io reduce da un esperienza matrimoniale durata 13 anni ero convinta che quando l'attrazione pura fosse calata, questa sarebbe stata integrata da tenerezza, dolcezza ed voglia di sentirsi vicini parte uno dell'altra. Lui da parte sua continuava ad enfatizzare la nostra intesa, nel frattempo abbiamo deciso di andare a vivere insieme, quando si è avvicinato il momento, lui è andato in crisi. Mi disse tra le lacrime che non mi desiderava più come prima e che aveva paura che questo volesse dire scrivere la parola FINE al nostro rapporto, ma nello stesso tempo diceva di amarmi come mai aveva amato. Dopo averne parlato decidemmo insieme di continuare la nostra relazione senza darci scadenza, ma ogni qualvolta l'uno si avvicinava all'altro dal punto di vista sessuale i pensieri ci assalivano. Io pensavo: mi desidera o no? sta fingendo o provando? e lui: voglio abbracciarla carezzarla, Dio come le voglio bene, ma perchè il corpo non mi segue? La desidero davvero o no? E così bella perchè no? Se non la desidero abbastanza allora è un segnale che non la amo come dovrei? E così via.. Un tormento espresso a voce e non espresso a volte per la paura reciproca di ferirsi. Tutto ciò vissuto con un dolore reciproco tremendo, forse abbiamo entrambi idealizzato quale deve essere lo standard sessuale di coppia tra due persone realmente innamorate? Eppure mai abbiamo messo in discussione i sentimenti che ci legano, anzi, abbiamo anche tentato di lasciarci, ma non riusciamo a stare distanti. Ci vogliamo un bene che nessuno dei due ha mai provato per nessuno. Eppure abbiamo paura a dirci Ti amo... perchè pensiamo che questo sia possibile solo tra 2 persone che si desiderano molto sessualmente. Non riusciamo ad azzerare la situazione e ricominciare... senza paura. Ci vogliamo bene e ci facciamo tanto male. Ci aiuti.. L'unica cosa che abbiamo pensato insieme a questo riguardo è questa: non siamo capaci di trovare il bandolo della matassa, dobbiamo farci aiutare. Entrambi non ci accontenteremmo di una relazione senza una vita sessuale appagante tutti e due.Ci dica cosa fare, quando e come, un consiglio.Ringraziarla con 2 parole qua in fondo è veramente molto poco, ma l'assicuro è un grazie di cuore.
Due anime nella tempesta.

Cara Cinzia dopo un attento esame del problema da te esposto azzardo l'ipotesi che la crisi del tuo compagno si è innescata nel momento in cui avete deciso la convivenza.A questo proposito mi sono chiesta se la decisione è stata presa veramente insieme o se sei stata tu a far si che questo si verificasse. Il fatto che è arrivato all'età di quarant'anni senza sentire l'esigenza di condividere in modo totale la propria vita con un'altra persona mi fa pensare che lui non era pronto per una soluzione di questo tipo e che in qualche modo la mancanza di desiderio sia frutto di risentimento inconscio nei tuoi confronti. Il tuo compagno, dalla descrizione che ne fai, sembra una persona molto sensibile pertanto prenderei in considerazione anche l'ipotesi che il calo del desiderio sia dovuto alla presenza della bambina che, in modo a lui del tutto inconsapevole, potrebbe avergli provocato un blocco sessuale. Attività sessuale e amore nell'uomo sono meno correlati che nella donna per tanto escluderei l'idea che la caduta del desiderio è conseguenza di un venir meno del sentimento d'amore. Il mio consiglio è quello, vista la mancanza di risorse personali, di rivolgervi ad un terapeuta che si occupa di problemi relazionali e di coppia.
Auguri

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

News Letters