Pubblicità

Masochismo...? (000062)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 36 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Erika 29 anni, 25.11.2002

Ciao, il mio in confronto ad altri immagino sia un problema stupido, ma probabilmente non ho abbastanza carattere per affrontarlo. La domanda e' semplice: Come si fa a comntinuare a frequentare un uomo se sai che quello ti usa dichiratamente solo per una questione di sesso?? Ma come si fa, dico io, a continuare a pendere dalla sue labbra, a incavolaasi continuamente cole telefono se non squilla, ad accettare di uscire sapendo che non ti amera' mai?? E' una sorta di masochismo???? E' solo che ci sto male mica da ridere... sono passati 4 anni... ciao

Per poter capire qualcosa delle dinamiche che portano una persona ad accettare situazioni di estrema sofferenza e sottomissione è necessario conoscere almeno a grandi linee il suo percorso di crescita, le tappe fondamentali della sua vita.
Molto probabilmente questa necessità di continuare una storia che sul piano emotivo non ti da niente nasce dalla necessità di non restare sola, dall'impossibilità d'affrontare in modo equo l'angoscia della separazione. Fenomeno questo molto comune tra coloro che nella primissima infanzia non sono stati sufficientemente amati e contenuti o che hanno subito abbandoni traumatici.
Un'altra causa potrebbe essere la scarsa autostima, conseguenza di un ambiente affettivo inadeguato per la strutturazione di un Se ben strutturato.
L'incapacità di sapersi amare e rispettare rende il soggetto vulnerabile nei confronti di coloro che come il tuo bell'imbusto, non curante della tua sofferenza, pensano solo a soddisfare i loro bisogni. Forse sarebbe bene consultare uno psicologo, l'aiuto di un esperto potrebbe aiutarti a capire le motivazioni che sottendono i tuoi comportamenti.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

News Letters

0
condivisioni