Pubblicità

Masochismo...? (000062)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 30 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Erika 29 anni, 25.11.2002

Ciao, il mio in confronto ad altri immagino sia un problema stupido, ma probabilmente non ho abbastanza carattere per affrontarlo. La domanda e' semplice: Come si fa a comntinuare a frequentare un uomo se sai che quello ti usa dichiratamente solo per una questione di sesso?? Ma come si fa, dico io, a continuare a pendere dalla sue labbra, a incavolaasi continuamente cole telefono se non squilla, ad accettare di uscire sapendo che non ti amera' mai?? E' una sorta di masochismo???? E' solo che ci sto male mica da ridere... sono passati 4 anni... ciao

Per poter capire qualcosa delle dinamiche che portano una persona ad accettare situazioni di estrema sofferenza e sottomissione è necessario conoscere almeno a grandi linee il suo percorso di crescita, le tappe fondamentali della sua vita.
Molto probabilmente questa necessità di continuare una storia che sul piano emotivo non ti da niente nasce dalla necessità di non restare sola, dall'impossibilità d'affrontare in modo equo l'angoscia della separazione. Fenomeno questo molto comune tra coloro che nella primissima infanzia non sono stati sufficientemente amati e contenuti o che hanno subito abbandoni traumatici.
Un'altra causa potrebbe essere la scarsa autostima, conseguenza di un ambiente affettivo inadeguato per la strutturazione di un Se ben strutturato.
L'incapacità di sapersi amare e rispettare rende il soggetto vulnerabile nei confronti di coloro che come il tuo bell'imbusto, non curante della tua sofferenza, pensano solo a soddisfare i loro bisogni. Forse sarebbe bene consultare uno psicologo, l'aiuto di un esperto potrebbe aiutarti a capire le motivazioni che sottendono i tuoi comportamenti.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

News Letters

0
condivisioni