Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Masturbazione (106482)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 26 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cecilia 22

Il mio problema è che da un anno a questa parte mi masturbo troppo spesso, più volte al giorno. Non conosco il perchè di questo bisogno, so solo che ho tanta paura di avere qualcosa che non va. E' da 4 mesi che non sto con un uomo e anche quando ero fidanzata sentivo la necessità di msturbarmi, nonostante il sesso con il mio fidanzato era bellissimo e soddisfacente. Prima di un anno fa non avevo mai sentito questa necessità, anzi la sola idea mi faceva un certo "senso". Il più delle volte quello che penso mentre mi masturbo è il mio ex fidanzato e i momenti di intimità passati assieme. Quello che mi preoccupa non è il fatto che mi masturbo, ma la frequenza con cui avviene e il fatto di non riuscire a frenarmi. Mi vergogno perchè ho paura di quello che questo potrebbe comportare, ho paura che dietro a questo comportamento ci sia qualcosa di strano in me, ho paura di diventarne dipendente o di non riuscire più ad avere rapporti soddisfacenti con gli uomini.Vi prego, aiutatemi voi, aspetterò con ansia una risposta. Grazie mille.

Cara Cecilia, la mastrurbazione fa parte della sessualità. Da quello che però capisco è la frequenza con cui sente il bisogno di sperimentarla che la preoccupa. Ovviamente non ci sono modi e tempi giusti e stabiliti, dipende dalle persone e dai momenti, quello che però terrei presente e che, da quanto capisco, la cosa oggi lei la vive come eccessiva, quasi fuori dal suo controllo. Questo è da tenere presente, cioè che c'è qualcosa che le fa vivere questi momenti come eccessivi. E' importante capire lei come si sente, se nega questo suo bisogno. E' qualcosa che se non può fare riesce a tenere a freno? Ad ogni modo credo che la cosa migliore, considerando che c'è anche una sessualità più completa che la appaga, sia aspettare e vedere come evolve la situazione, magari è un periodo temporaneo legato a una situazione psico-fisica. Molto probabilmente si affievolirà da sola con l'andare del tempo.

(risponde la Dott.ssa Anna Maria Casale)

Pubblicato in data 08/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

News Letters

0
condivisioni