Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Masturbazione (135910)

on . Postato in Sessualità | Letto 9 volte

Marco 48

Finalmente mi decido a parlarne! Sono sposato da undici anni e ho un figlio di dieci. Diciamo che questa situazione, la masturbazione, va avanti direi quasi da sempre, anche prima di sposarmi. Di tanto in tanto, un paio di volte al mese, mi faccio una bella sega (scusate la volgarità), quasi come per rilassarmi. Premetto che ho una vita ed un'intesa sessuale con mia moglie ottima ed a secondo delle nostre voglie facciamo l'amore una o due volte a settimana e nella peggiore delle ipotesi, cioè condizionati da esigenze di lavoro o situazioni familiari, al massimo entro dieci giorni. Ebbene da un anno circa con mia moglie, durante il rapporto sessuale, ci piace immaginare delle situazioni in cui lei in mia presenza abbia dei rapporti con altri uomini ma, nello stesso momento in cui il rapporto giunge al termine, le fantasie vengono cancellate. Queste fantasie mi portano, quando sono solo in casa, a riviverle e soddisfarle con la masturbazione, ma un attimo dopo aver raggiunto l'orgasmo, mi vergogno di ciò che ho fatto. Vi sarei grato se foste abbastanza schietti nell'analisi e sopratutto se ho bisogno di una consulenza privata. Vi ringrazio anticipatamente, Marco.

Carissimo Marco, innnazitutto sono contenta che ti sia deciso a parlare della tua situazione, alle volte i problemi vengono ingigantiti proprio dal fatto che non si scontrano con la realtà. In ogni caso non vedo assolutamente nulla di patologico o di preoccupate nella situazione che mi racconti. L'ipotesi che ho fatto é che la tua tendenza a ripetere le fantasie sessuali che utilizzi nei rapporti con tua moglie possa avere una componente narcisistica: in altre parole ti eccita l'idea di sapere che tua moglie sia sessualmente attraente agli occhi di altri uomini e che questi provino desiderio sessuale nel guardarla. Messa in questa ottica non mi sembra una dinamica "aggressiva" nei suoi confronti, al pari di come credo la stia vivendo tu, dato che mi scrivi di vergognarti per quello che hai fatto. Certo, il fatto di fare delle fantasie su di lei potrebbe erroneamente farti pensare che tu la stia "usando" per il tuo piacere personale, trattandola come un oggetto, ma, francamente, non ci vedo una componente di questo tipo nel comportamento che mi descrivi. Occorre, infatti, fare distinzione tra aggressività costruttiva ed aggressività distruttiva nella sessualità. La prima è diretta al piacere, dunque non ha una valenza distruttiva nei confronti dell'oggetto (stiamo parlando, infatti, di una sessualità libera ma normale, non perversa. In altre parole, non si tratta di pratiche volte al sadismo). La seconda, come anticipato, si orienta al sadismo, dunque al ledere l'altro o l'immagine dell'altro ed il piacere è ricavato dalla sofferenza che prova questa persona per mano nostra. Non mi sembra questo il tuo caso! L'unico consiglio che posso darti, se quanto ti ho scritto non dovesse bastare, è di parlarne apertamente con tua moglie, spiegandole anche il modo in cui ti senti dopo averlo fatto e chiarire la situazione. Lei mi sembra una donna molto intelligente ed il vostro rapporto mi sembra parimenti molto aperto e consolidato, dunque non dovresti avere problemi a parlarle. In ogni caso, se dovessi averne bisogno, riscrivici.

(Risponde la Dott.ssa Elena Panuccio)

Pubblicato in data 25/08/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

News Letters