Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

masturbazione (49323)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 37 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Maura,21anni (6.4.2002)

Sto insieme al mio fidanzato da due anni e dieci mesi,non facciamo l'amore ma comunque ci conosciamo già abbastanza approfonditamente per quanto riguarda il sesso e ci amiamo.Non voglio andare ancora a letto con lui perchè ho troppa paura(sono vergine)e poi se dovesse succedere qualcosa di spiacevole i miei mi ammazzerebbero...Ho un problema,anche se io e lui quando abbiamo la possibilità di 'stare insieme'siamo soddisfatti,io non riesco a smettere di masturbarmi,come se non avessi un ragazzo con cui sto da quasi tre anni e questo mi fa sentire in colpa con lui...e poi mentre lo faccio non penso a lui e anzi mi immagino circostanze abbastanza perverse che poi con lui non riesco a mettere in pratica,mi sento come trattenuta;secondo voi ho qualche problema psicologico?è una cosa normale masturbarsi con frequenza quando si sta con un ragazzo e si è soddisfatti?mi sento un verme,questa cosa mi fa sentire tremendamente in colpa...cosa dice la psicologia a proposito?E non solo questo,mi capita spesso di non riuscire ad addormentarmi la notte,resto sveglia fino a tardi,o perchè ho tanti cattivi pensieri per la testa o perchè anche se è infantile,lo so,a volte ho proprio paura del buio,vedo strane ombre,sento mani che mi sfiorano,insomma,anche in questi casi per addormentarmi inizio a masturbarmi nervosamente e poi riesco a dormire...altre volte lo faccio indipendentemente dal fatto che non riesco a dormire,quasi per conciliare il sonno...mi sento uno schifo..aiutatemi...e questo succedeva pure prima di stare col mio attuale fidanzato... cordiali saluti grazie.

Cara Maura, (21 anni) , il problema che ti fai a proposito di masturbazione non dovrebbe angustiarti oltre un certo limite. Non viverlo assolutamente come un tradimento per il tuo ragazzo, ritengo che un giorno - vivendo assieme e esprimendo il vostro amore in maniera completa, senza più paura di essere "ammazzata"...- la cosa si ridimensionerà spontaneamente. Quanto all'immaginario sessuale (= quelle fantasie che ti éccitano) non pensare assolutamente che siano "perverse" solo perché non ricàlcano la posizione creduta normale di fare l'amore (lui sopra e lei sotto): in realtà in amore tutto é lecito purché condiviso e liberamente acconsentito (esclusa cioé la violenza). Sii più serena e accetta tutto quanto é naturale , spontaneo , condiviso o condivisibile. Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

News Letters

0
condivisioni