Pubblicità

Masturbazione e Sensi di colpa (104202)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 37 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giuseppe 29

Spett.le dottore, sono un ragazzo di 29 anni e la scrivo per un problema che mi tormenta da un pò di tempo. Premetto che mi ritengo una persona normalissima, solare, ottimista, molto buona e particolarmente sensibile. Il mio problema riguarda la masturbazione e i sensi di colpa e i pensieri ossessivi ad essa connessi.. Sono felicemente fidanzato, ma i miei rapporti sessuali non sono molto assidui, per cui, per questo, o non so per quale altro motivo, a volte mi capita di masturbarmi. A ciò seguono sensi di colpa e pensieri ossessivi che mi fanno stare tremendamente male: nervosismo, ansia e rigidità muscolare nelle braccia e nelle gambe che mi rendono come "rincitrullito" e in difficoltà a svolgere qualsiasi cosa, anche la più banale.. Ritengo il senso di colpa risalga al modo in cui sono stato educato, ma quello che più mi fa star male sono i pensieri ossessivi che sorgono dopo la masturbazione. Le faccio l'esempio dell'ultima volta.. Mi sono masturbato su di un video di un ragazza che in foto sorrideva, quindi un'immagine di una persona ottimista, solare.. Per essermi masturbato su di lei, quindi, mi sono autocondannato ad essere pessimista per sempre. E così altre volte, tipo, masturbandomi su una donna che faceva sesso con i piedi, mi condannavo ad essere feticista, pervertito.. Razionalmente mi rendo conto che sono delle stupidaggini, ma poi finisco col soffrirci fisicamente e psicologicamente lo stesso.. Cosa posso fare per evitare tutto ciò e vivere queste cose con naturalità come fanno tutte le altre persone? Aggiungo infine che sono una persona perfezionista che facilmente tende a condannarsi per ogni sbaglio, anche il più banale, come vedere il sedere a una bella donna in mezzo alla strada.

Gentile Giuseppe, mi sembra da quanto lei scrive, che nella sua vita qualcosa o qualcuno abbia fatto in modo che lei si portasse sulle spalle una mole davvero enorme di sensi di colpa, soprattutto per quanto concerne la sessualità. Questa è purtroppo una situazione molto frequente; soprattutto in questo paese, forse per dei retaggi culturali, le persone ricevono un’educazione sessuale nulla, oppure fortemente punitiva e carica di sensi di colpa. Quello che io posso dirle è che nella masturbazione non c’è niente di male, non è un comportamento riservato solo agli adolescenti, o ai single, né tantomeno è un comportamento anormale. Ricorrere all’autoerotismo è solo un modo diverso di amare, che non viene escluso dal fatto di essere in coppia. Ed anche le fantasie che si accompagnano alla masturbazione, quali che siano, raramente hanno un aspetto veramente patologico. Insomma, non c’è niente di male in quello che lei fa, e non c’è alcun bisogno di torturarsi con questi pensieri punitivi. Ma mi rendo conto che lei è perfettamente consapevole di questa cosa a livello razionale, mentre evidentemente ad un livello più profondo lei forse ha bisogno di punirsi. È possibile che con un percorso psicoterapeutico lei riesca a capire da dove viene questo senso di colpa, e come affrontarlo al meglio. Auguri

(risponde La dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 25/06/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters

0
condivisioni