Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Modo di vestire (128289)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 28 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Massimo 30

Salve, vorrei sapere come viene inteso, un uomo che usa indossare dei collant da uomo o donna. Nel mio caso li uso abitualmente tanto quanto dei calzini normali da uomo, li porto sia in casa che fuori casa, non tendo a metter in evidenza che li indosso sotto i pantaloni, se qualcuno me lo facesse notare chiedendomi sul perche li indosso mi sentirei di rispondere che, ognuno fa quel che gli pare, purchè nei limiti della decenza. Non sono omosessuale, sono etero, ho attrazione per il sesso femminile, ma ho questa abitudine fin dalla tenera età, credo 4 anni, di usarli. Purtroppo fino a 24 anni li ho usati sempre di nascosto per vergogna, ora li porto senza preoccuparmi di quello che le persone potrebbero pensare, ovviamente a loro basta chiedere per ottenere una chiarificatrice risposta sul perchè. Non trovo differenza tra usare calzini o calze/collant, ma mi piace letteralmente la calza in tutte le sue forme. Credo che il mio vizietto sia paragonabile ad un uomo che fa collezione di cravatte e le usa quando può. Purtroppo ad alcune donne non garba, mentre altre donne non danno peso a questo vizio o abitudine. Inoltre mi piace di più una donna che usa le calze, che una donna senza calze. Tutto ciò, secondo il mio parere rientra nella mia personale normalità, tendo a stabilire da me stesso cosa sia normale e cosa non lo sia, in genere rispetto e tollero molte cose, tra cui questo mio modo di essere.

Massimo capisco benissimo quello che mi dici ed è per questo che ti pongo questa domanda: per te è un problema indossare i collant? Se così non fosse perchè vuoi andare a ricercare le motivazioni di questo tuo comportamento. Penso, comunque, che una risposta univoca potresti trovalrla solamente scegliendo di intraprendere un percorso terapeutico.Cordiali Saluti.

(risponde il Dott. Lorenzo Flori)


Pubblicato in data 05/12/08

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

News Letters

0
condivisioni