Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Modo di vivere le relazioni (143579)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 33 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Tristano 28

Buongiorno, ecco in poche parole il mio problema. Ho 28 anni e sono omosessuale. Credo di desiderare una storia d'amore seria e duratura. Molto spesso provo attrazione per persone che vedo all'Universita', o in altre situazioni della vita quotidiana. Molto spesso si tratta di persone che mi attirano molto, sulle quali fantastico per giorni, settimane o mesi, desiderando la possibilita' di un incontro, di una conoscenza, di un'uscita. Quando cio' non accade mi sento triste e malinconico. Quando pero' la persona in questione si sbilancia, anche lievemente, nei miei confronti, facendomi capire che c'e' una semplice simpatia o anche la voglia di conoscermi, puntualmente io non riesco a godere del momento tanto a lungo desiderato: anziche' buttarmi nella storia, nella situazione piacevole che la vita mi offre, e viverla con serenita' e leggerezza, avviene l'esatto contrario: mi chiudo in una specie di guscio d'ansia che mi causa delle vere e proprie crisi che mi impediscono di essere sereno, di concentrarmi sulla persona appena conosciuta, sui miei studi e sui miei interessi. Anche se la persona mi piace, la trovo stimolante a livello di conversazione, e c'e' attrazione fisica e intesa sessuale, divento (molto) infelice, una voce dentro di me mi dice che "non amo" quella persona, che non ho il diritto di frequentarla e conoscerla, che non ha senso. Mi dice che devo mollarla e rinunciare a tutto quello che potrei vivere con lei, e che non riesco a farlo subito solo perche' non ne ho il coraggio. Il bello e' che questo succede anche se, talvolta, una persona conosciuta su una chat-line mi chiede di incontrarla! L'ansia paranoica mi blocca ancora prima di avere mai visto questa persona. Insomma, sono diversi anni (4 0 5) che non riesco piu' a godermi gli incontri che la vita mi offre, riesco solo a rovinare tutto appiattendo con la mia ansia le persone -diversissime tra loro- che incontro sul mio cammino! Io non chiedo tanto, vorrei solo superare questo problema, riuscire ad affrontare con gioia e serenita' le possibilita' che la vita mi offre, godermi il momento ed essere tranquillo, senza sentirmi in colpa se non sono all'altezza dei nobili sentimenti che vorrei provare. Grazie anticipate per i consigli che vorrete darmi.



Caro Tristano, c'è sicuramente una timidezza di fondo e probabilmente anche tanta paura di creare una relazione, ma c'è innanzi tutto, tanta vulnerabilità che alimenta il conflitto interno e toglie la possibilità di agire il desiderio. Più che un'ansia paranoica, hai da elaborare una grande paura di amare e incontrare, come se dovessi essere perfetto per avere un incontro perfetto. Vivere l'altro è semplicemente viverlo, accettando il dolore di ogni ferita eventuale senza annichilimento, sapendo ricominciare dal piacere dell'esperienza. Il tuo ritiro è compensativo, quasi come se l'interazione smuovesse sedimentazioni antiche mai risolte e su cui invece devi saper lavorare, sapendo andare oltre le paure e gli esiti cicatriziali del tuo passato. Nessuno può avere il controllo dell'evento, e meno di ciò che succederà. A volte però per paura di perdere la pace, perdiamo le occasioni e forse la possibilità di una gioia, di una piccola felicità. E' la speranza che rende credibile il nostro futuro, è la fiducia che rende possibile l'incontro, è la voglia di rischiare che rende credibile la vita. Sei solo tu che puoi fare di te stesso qualcosa o qualcos'altro, sei tu che puoi vivere o restare ad osservare, sei tu che potrai scegliere bene, restare o andar via. Sei tu che che puoi perdere la vita o incontrarla. Auguri

(Risponde la Dott.ssa Bosa Lucia Daniela)

Pubblicato in data 13/05/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualogia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Ansia, paura agitazione a caus…

Linda, 20     Salve, sono linda ho da un anno paura del vento, quando è forte pensavo mi fosse passata ma a quanto pare non è cosi anche perché o...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’...

News Letters

0
condivisioni