Pubblicità

Modo di vivere le relazioni (143579)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 48 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Tristano 28

Buongiorno, ecco in poche parole il mio problema. Ho 28 anni e sono omosessuale. Credo di desiderare una storia d'amore seria e duratura. Molto spesso provo attrazione per persone che vedo all'Universita', o in altre situazioni della vita quotidiana. Molto spesso si tratta di persone che mi attirano molto, sulle quali fantastico per giorni, settimane o mesi, desiderando la possibilita' di un incontro, di una conoscenza, di un'uscita. Quando cio' non accade mi sento triste e malinconico. Quando pero' la persona in questione si sbilancia, anche lievemente, nei miei confronti, facendomi capire che c'e' una semplice simpatia o anche la voglia di conoscermi, puntualmente io non riesco a godere del momento tanto a lungo desiderato: anziche' buttarmi nella storia, nella situazione piacevole che la vita mi offre, e viverla con serenita' e leggerezza, avviene l'esatto contrario: mi chiudo in una specie di guscio d'ansia che mi causa delle vere e proprie crisi che mi impediscono di essere sereno, di concentrarmi sulla persona appena conosciuta, sui miei studi e sui miei interessi. Anche se la persona mi piace, la trovo stimolante a livello di conversazione, e c'e' attrazione fisica e intesa sessuale, divento (molto) infelice, una voce dentro di me mi dice che "non amo" quella persona, che non ho il diritto di frequentarla e conoscerla, che non ha senso. Mi dice che devo mollarla e rinunciare a tutto quello che potrei vivere con lei, e che non riesco a farlo subito solo perche' non ne ho il coraggio. Il bello e' che questo succede anche se, talvolta, una persona conosciuta su una chat-line mi chiede di incontrarla! L'ansia paranoica mi blocca ancora prima di avere mai visto questa persona. Insomma, sono diversi anni (4 0 5) che non riesco piu' a godermi gli incontri che la vita mi offre, riesco solo a rovinare tutto appiattendo con la mia ansia le persone -diversissime tra loro- che incontro sul mio cammino! Io non chiedo tanto, vorrei solo superare questo problema, riuscire ad affrontare con gioia e serenita' le possibilita' che la vita mi offre, godermi il momento ed essere tranquillo, senza sentirmi in colpa se non sono all'altezza dei nobili sentimenti che vorrei provare. Grazie anticipate per i consigli che vorrete darmi.



Caro Tristano, c'è sicuramente una timidezza di fondo e probabilmente anche tanta paura di creare una relazione, ma c'è innanzi tutto, tanta vulnerabilità che alimenta il conflitto interno e toglie la possibilità di agire il desiderio. Più che un'ansia paranoica, hai da elaborare una grande paura di amare e incontrare, come se dovessi essere perfetto per avere un incontro perfetto. Vivere l'altro è semplicemente viverlo, accettando il dolore di ogni ferita eventuale senza annichilimento, sapendo ricominciare dal piacere dell'esperienza. Il tuo ritiro è compensativo, quasi come se l'interazione smuovesse sedimentazioni antiche mai risolte e su cui invece devi saper lavorare, sapendo andare oltre le paure e gli esiti cicatriziali del tuo passato. Nessuno può avere il controllo dell'evento, e meno di ciò che succederà. A volte però per paura di perdere la pace, perdiamo le occasioni e forse la possibilità di una gioia, di una piccola felicità. E' la speranza che rende credibile il nostro futuro, è la fiducia che rende possibile l'incontro, è la voglia di rischiare che rende credibile la vita. Sei solo tu che puoi fare di te stesso qualcosa o qualcos'altro, sei tu che puoi vivere o restare ad osservare, sei tu che potrai scegliere bene, restare o andar via. Sei tu che che puoi perdere la vita o incontrarla. Auguri

(Risponde la Dott.ssa Bosa Lucia Daniela)

Pubblicato in data 13/05/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualogia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

News Letters

0
condivisioni