Pubblicità

Molestie ragazzo 12 anni verso bambini (161973)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 62 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca, 40

 

Gentile Dottore,
salve, il figlio di un amico che ha 12 anni è stato per un periodo ospite a casa nostra e mi sono accorta che toccava le parti intime di mio figlio di 6 anni.
Mio figlio non ha capito che veniva "molestato" e l'ha presa come uno scherzo. Quando mi sono accorta di quanto stava accadendo ho detto qualcosa al ragazzino più grande e visto che la sua famiglia era in un periodo difficile ho pensato di non dire nulla e di valutare il da farsi in futuro. Adesso ho visto di nuovo questo ragazzino fare la stessa cosa con un'amichetta di 7 anni, l'ha presa in braccio e guardandosi attorno per essere sicuro di non essere visto le ha toccato le parti intime...
Non so come affrontare la situazione, potete darmi un parere sul comportamento di questo ragazzino, è un atteggiamento grave? o può far parte di un atteggiamento passeggero del quale lui non capisce la gravità?
Vi ringrazio per l'aiuto.

Cara Francesca,
ciò che descrivi ai miei tempi si chiamava giocare a dottori e quando gli adulti ci scoprivano succedeva il finimondo, questo per sottolineare che certe cose, anche se sono da valutare sono sempre state fatte.
Il ragazzino di 12 anni è in pieno sviluppo e credo, visto che sia la famiglia sia la scuola siano assenti in tematiche sulla sessualità necessita di un educazione didattica.
O cerchi di spiegargli, in parole semplici la sessualità, o parlarne con insegnanti di classe che con lo psicologo scolastico possono spiegarli ciò che lui stà facendo.
Non si tratta di pedofilia visto la giovane età, ma è meglio prevenire che curare.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Sergio Pugelli)

Pubblicato in data 24/07/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni