Pubblicità

Molestie sessuali (112578)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 62 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giovanna 26

Gentile dottore, è da qualche anno che penso ad alcune esperienze che ho vissuto intorno ai 12/13 anni, più che altro perchè le metto in relazione con la mia vita sentimentale e sessuale. Quando ho iniziato a svilupparmi, ad avere il seno e delle forme femminili, mio padre ha cominciato a prendermi in giro davanti a familiari e amici, facendo notare a tutti il mio sviluppo e facendo apprezzamenti molto grossolani. Voglio pensare che lo facesse in modo molto bonario, senza rendersi conto del senso di umiliazione e dell'angoscia che mi provocava essere al centro di questi apprezzamenti. Mia nonna e mia madre spesso erano a disagio anche per me e cercavano di farlo tacere. Inoltre, un amico di famiglia che aveva 20 anni più di me ha approfittato, sempre in quel periodo, di 2 o 3 occasioni nelle quali eravamo soli, per farmi domande sulle mie parti intime e avere atteggiamenti molto sensuali a me sgraditi (come parlarmi nell'orecchio... sbavandomi letteralmente addosso). Io ho vissuto questi episodi senza commentarli e cercando di non dare loro nessun peso. Tuttavia fino ai 19 anni mi sono sempre trovata a disagio nello stare da sola con i ragazzi e anzi, avevo un vero e proprio terorre quando questo succedeva, anche se allo stesso tempo desideravo fortemente avere un ragazzo, come tutte le mie amiche. E' possibile che gli episodi descitti siano stati la causa dei miei problemi col genere maschile? Vorrei fare pace con me stessa e superare questi ricordi che continuo a voler considerare insignificanti. Vorrei avere una vita sessuale più serena, invece sono abbastanza incasinata. Mi aiuti a capire. Grazie.

Cara Giovanna, fai male ad ostinarti a considerare gli episodi descritti come insignificanti, dal momento che la mancanza di rispetto di tuo padre prima e le molestie del suo amico dopo hanno arrecato danno alla tua sessualità. Tuo padre con il suo atteggiamento, anziché aiutarti ad affermare la tua femminilità, ha minato la tua sicurezza precludendoti la possibilità di un approccio spontaneo con l'altro sesso, il suo amico ha completato l'opera. La maggior parte delle donne che non hanno avuto un buon rapporto con la figura paterna hanno difficoltà di questo tipo, un aiuto per ritrovare fiducia in te stessa e negli uomini può venirti dalla consulenza di uno plico-sessuologo. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

Pubblicato in data 04/02/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters

0
condivisioni