Pubblicità

Non aver voglia di fare l'amore (112838)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 44 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marta 25

Gentile Dottore, ho 25 anni e il mio ragazzo ne ha 24, siamo insieme da più di sei anni e conviviamo da due. Il mio problema è che da circa un anno e mezzo, lui vuole fare l'amore con me, ma io non ne ho voglia... non riesco ad eccitarmi e preferisco stare a letto a farci le coccole. Io lo amo e la nostra storia va benissimo, a parte questa mia "pigrizia" sessuale. Ogni volta che lui "ci prova" io gli dico sempre la verità, cioè che non mi va. A me dispiace tanto per lui, perchè so che ne ha bisogno... Non so che fare, io "voglio" farmi tornare la voglia, ma non ci riesco! E credo che non avrei voglia nemmeno con un altro ragazzo, anche perchè sono innamoratissima del mio! Tra l'altro lo considero un bel ragazzo quindi fisicamente mi attira. Se può servire, ho vissuto un po' di drammi e stress familiari negli ultimi quattro anni. Personalmente mi sono ritrovata sommersa da nuove responsabilità e preoccupazioni, a cui sinceramente ho fatto fronte con successo e volontà, ma anche con molta, molta stanchezza (nel 2005 ho subito la perdita della figura paterna, lavoro in un'azienda che mi assorbe anche per 12 ore al giorno e in cui lavora anche il mio ragazzo, convivo e mi gestisco le mie spese e necessità in completa autonomia e responsabilità). Oltretutto, il mio ragazzo mi ha aiutato enormemente in questo percorso. So solo che mi sento molto stanca, stanca fisicamente e psicologicamente, che vorrei, ma preferisco fare altro, ho sempre "altro" da fare, tra impegni, tempo (poco) da dedicare a me stessa, lavoro, riposare... Sono veramente triste e preoccupata, non voglio nè perderlo nè restare in questa situazione che non mi riesco a spiegare. Può essere una conseguenza di aspetti fisiologici, tipo ormonale? Grazie fin da ora.

Cara Marta, è indubbio che in una giovane coppia la sessualità solitamente occupa una parte importante. Contrariamente, però, a quel che si pensa non avviene come una specie di esplosione automatica di istinti irrefrenabili, ma prevede tempi e atmosfere estremamente particolari. Non è casuale che la seduzione viene visualizzata in tv o al cinema con lumi di candela, cibi afrodisiaci, sguardi, musica ecc. Quasi a simbolizzare che il lasciarsi andare non è una cosa facile ed è soprattutto un fatto mentale. La tua mente è probabilmente invasa da scatoloni frastornanti e ingombranti che vengono da pensieri inelaborati, che non rendono agevole lo stacco. Il tuo compagno è diventato in questo momento la tana, la nicchia in cui rifugiarsi e sentirsi protetti e ha smesso quindi di essere la fonte di eccitazione e trasgressione. E' un periodo. Vivilo e affrontalo con serenità e soprattutto cerca di evitare di caricarti con intuli sovrastrutture. Non esiste un manuale della vita sessuale di coppia, ma la capacità di accogliere quello che capita. Incomincia col divertirti un pò di più e col prendere le cose con maggiore superficialità.

(risponde la Dott.ssa Lucia Daniela Bosa)

Pubblicato in data 14/02/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni