Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Non prova più il piacere di prima (10093)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 18 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Preoccupata 22

Gentile dottore, il "problema" di cui le parlo non è mio ma del mio ragazzo. Abbiamo entrambi 23 anni, siamo insieme da 5 e abbiamo imparato molte cose assieme. Quest'ultimo anno ha portato molti cambiamenti perché siamo lontani e lui vive da solo lontano da casa. Ed è più o meno da quando sono cominciati questi cambiamenti che lui non sente più il piacere di prima. Questo succede sia nella masturbazione, dice che non ha voglia di farlo perché non lo soddisfa e non pensa neanche a ragazze che vede per strada perché tanto alla fine sarebbe solo piacere fisico ed è quello che gli è diminuito, sia quando sta con me, anche se dice che comunque è la cosa che più gli dà piacere perché è una possibilità realistica e fisicamente e mentalmente più coinvolgente, però prova meno piacere di una volta. Vorrei aggiungere che la nostra intimità spesso non è del tutto serena, ad esempio per la presenza dei genitori in casa, e quindi spesso non ci sono le condizioni ottimali, per questo siamo più tesi e lui ha la sensazione di poter perdere il controllo di quello che fa, e se questo succede non riesce a provare piacere perché è come se gli sfuggisse. Ultimamente si è fissato su questa cosa perciò parte già preoccupato concentrandosi solo su quanto riesce a controllarsi,se l'è fatto diventare un problema e non vive più serenamente quei momenti. La domanda è: sono tutti i cambiamenti che abbiamo vissuti, sommati alle difficoltà precedenti, che gli hanno fatto diminuire il piacere e di conseguenza il desiderio?? Esiste una maniera di risolvere il problema? Grazie

Salve, purtroppo non riesco a capire esattamente a che cosa sia legato il piacere per lei e il suo ragazzo, se riguarda la fase dell'eccitazione e quindi l'erezione del suo ragazzo oppure la fase dell'orgasmo che è quella legata appunto al piacere. Per quanto riguarda invece il desiderio, questo riguarda la fase iniziale cioè quindi la voglia di avere rapporti che stimola la vostra libido appunto, allora dopo aver capito tutto ciò, la risposta è che una volta individuato il problema tutto si può risolvere, insieme al suo ragazzo e con l'aiuto di un terapeuta sessuale qualora fosse necessario. Di sicuro i problemi di cui mi parla possono influire sulla vostra sfera sessuale, ma potrebbe essere solo un momento che passerà.

(risponde la Dott.ssa Benedetta Mattei)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano sessualità di per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

News Letters

0
condivisioni