Pubblicità

Non riesco a fare l'amore con la mia ragazza (11084)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 64 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Raffaele 19

Sto con una ragazza da tre mesi, ma quando proviamo a fare l'amore non ci riusciamo. Non riesco a entrare nella vagina e se non ci riesco mi innervosisco e perdo anche l'erezione. Lei è vergine, ma per me non è la prima volta, ho avuto una ragazza qualche anno fa e anche con lei ho avuto questo tipo di problema, ma dopo un pò di volte siamo riusciti ad avere dei rapporti sessuali, anche se io non ho mai raggiunto l'orgasmo. Premetto che sono un tipo molto emotivo, è molto frustrante per me non riuscire a penetrarla perchè amo veramente tanto questa ragazza e mi dispiace fare queste "figure" a letto. Cosa dovrei fare? Non so se sia un problema di potenza sessuale perchè abbiamo comunque avuto dei rapporti di sesso orale completi. E poi divento teso al momento della penetrazione e magari perdo il desiderio e l'erezione. Grazie per la vostra gentilezza, spero mi possiate essere di aiuto.

Caro Raffaele, dal momento che il fenomeno della mancanza di penetrazione si è già verificato in passato, con un'altra partner, quasi sicuramente il tuo è un problema di natura psicologica. L'impotenza psichica origina da fattori psicologici interpersonali, ambientali e culturali diversissimi, da conflitti inconsci non risolti, da un educazione rigida, da motivi religiosi, morali, da stati depressivi, malinconici ed ansiosi. Per indagare tutto questo sarebbe opportuno cercare l'aiuto di uno psico-sessuologo, ma intanto evita di accanirti nel tentare di riuscire ad ottenere una penetrazione a tutti i costi, questo potrebbe peggiorare ulteriormente la situazione. Come avete già fatto in passato potete continuare ad avere rapporti sessuali diversi dal coito, dando molto spazio ai preliminari. Arricchire il rapporto con i preliminari aumenterà la vostra conoscenza, questo vi aiuterà a raggiungere una complicità e una vicinanza maggiori, che potrebbero risultare determinanti per la riuscita, in un secondo tempo, del coito. Per agire in piena tranquillità è importante rendere partecipe la tua ragazza della strategia d'adottare. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

Pubblicato in data 16/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

News Letters

0
condivisioni