Pubblicità

Omofobia (147536)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 44 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Mario,17

Salve,
il motivo che mi spinge a consultare uno pisocologo, è legato al fenomeno dell'omofobia. Io circa 7 anni fa se non di più, diedi il primo bacio a una ragazzina in vacanza, poi un giorno mi capitò di andare da un mio amico e diciamo che essendo piccolino, non capivo e facevo cose stupide.
Ora purtroppo non riesco a scrollarmi da dosso quei giorni e costantemente mi viene la paura di diventare gay. Mi sento un po' strano malgrado cambio ragazze ogni poco. E' da premettere che sono anche omofobo.Vorrei, se possibile, una spiegazione in merito, perchè ogni tanto mi viene da fissarmi e da sentirmi strano. Grazie mille spero di poter essere aiutato. Onestamente cerco aiuto qui, perchè non mi va di spendere soldi tanto meno mi va di spiegare ai miei questo "disagio".



Caro Mario,
purtroppo l'educazione sessuale è una cosa soventemente intrisa di ideologismi di vario genere, per cui nell'ambito della nostra sessualità siamo tutti quanti degli autodidatti. Questa trascuratezza di un lato invece fondamentale della natura umana, può portare a non spiegarci certi atteggiamenti o comportamenti, sensazioni ed emozioni. Non sapersi spiegare certe cose, il timore che una esperienza che ci hanno insegnato essere "sbagliata", può portare a ritenersi "strano" o "diverso". La paura di essere omosessuale può spingere a comportamenti autodimostrativi del proprio machismo, per cui cambiare spesso ragazze (nell'idea per cui se sono un donnaiolo non sono gay) ed essere omofobo (nell'idea per cui se denigro una cosa essa non mi appartiene). Di fatti questi timori, più spesso che una omosessualità repressa, nascondono insicurezza ed una certa difficoltà nel viversi liberamente le proprie emozioni. Ovviamente certe cose devono essere approfondite di persona. Alcuni ritengono che dire certe cose di fronte a qualcuno, come uno Psicologo Psicoterapeuta, possa equivalere ad "ammettere" di essere omosessuale o di avere una debolezza di cui ci vergognamo. Di fatti il problema, se c'è un problema, non consiste nel timore di essere gay quanto nel timore di confrontarsi liberamente. Concludendo, la invito a riflettere fortemente se il suo sentire la necessità chiedere aiuto ad uno Psicologo, ma non di persona, sia legata realmente al fatto che "non mi va di spendere soldi" oppure a qualche forma di "resistenza" personale ad affrontare certi argomenti.

(Risponde il Dott. Giusti Massimo)

Pubblicato in data 05/04/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni