Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

omosessessualità (48176)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sandro, 24anni (8.2.2002)

Caro Dott. /Cara Dott.ssa premetto anzitutto che sono omosessuale, o meglio sento di esserlo ma non ho mai "praticato" ne mai l'ho detto a qualcuno; sono circa due anni che abito con due ragazzi, studenti come me, in un appartamento. Uno dei due non c'è mai o quasi perchè oltre a studiare lavora fuori città, e ciò mi ha concesso di stare tanto tempo con l'altro ragazzo, di poco più piccolo di me. Col tempo io e lui abbiamo approfondito il nostro rapporto di amicizia e piano piano questo è diventato sempre più...tenero. Ci capita spesso di incontrarci per casa e abbracciarci, giocare a toccarci i genitali, ci capita di stare ore ed ore la sera con la mano nella mano a guardare la tv, di parlarci con tenerezza, accarezzarci i capelli o sfiorarci le labbra quasi per caso...graffiarci la schiena nuda... Mi è capitato di notare da parte sua una certa eccitazione fisica durante i nostri incontri ludici, cosa che da parte mia non manca praticamente mai. Di questo lui si è accorto e spesso, assorto davanti alla TV poggia le sue gambe "su" di me e si stroffina fino a farmi eccitare appoggiando le sue gambe proprio sopra il mi pene. A questo però si oppone l'altra sua faccia, spesso, nonostante la contiguità fisica che caratterizza il nostro rapporto commenta le immagini di ragazze in tv, quasi a voler prendere le distanze da me, anzi penso che spesso lo faccia proprio per quello, tuttavia, quando io mi allontano, evitando di sfiorarlo e di pensare alui, lui si riavvicina, mi carezza le mani o gioca con i miei polpastrelli. Inoltre ha una ragazza con la quale non si vede molto. Insomma cosa devo pensare? non ho il coraggio di dirgli tutto quello che penso, perchè ho paura che neghi l'evidenza fino a rifiutare la mia amicizia di per se, penso inoltre che avrebbe delle forti pregiudiziali ad amettere una sua eventuale omosessualità. Aspetto con speranza una risposta.
Sandro.

L'intimità da lei descritta è senz'altro molto fortemente venata di omosessualità e va oltre il cameratismo fra due ragazzi "etero" che vivono insieme. Può darsi comunque che, come lei scrive, il suo compagno non voglia ammettere questo fatto e che non si riconosca una latente parte omosessuale. Penso quindi che l'unica cosa che lei può fare è correre qualche rischio: quanto dipende da lei. Può intanto cominciare a parlare di sè e del suo essere gay e confrontarsi con lui: comunicare il suo vissuto servirà a lei per misurarsi ed accettarsi ed anche a vagliare, almeno indirettamente, la posizione del suo amico.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters

0
condivisioni