Pubblicità

omosessessualità (48176)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 67 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sandro, 24anni (8.2.2002)

Caro Dott. /Cara Dott.ssa premetto anzitutto che sono omosessuale, o meglio sento di esserlo ma non ho mai "praticato" ne mai l'ho detto a qualcuno; sono circa due anni che abito con due ragazzi, studenti come me, in un appartamento. Uno dei due non c'è mai o quasi perchè oltre a studiare lavora fuori città, e ciò mi ha concesso di stare tanto tempo con l'altro ragazzo, di poco più piccolo di me. Col tempo io e lui abbiamo approfondito il nostro rapporto di amicizia e piano piano questo è diventato sempre più...tenero. Ci capita spesso di incontrarci per casa e abbracciarci, giocare a toccarci i genitali, ci capita di stare ore ed ore la sera con la mano nella mano a guardare la tv, di parlarci con tenerezza, accarezzarci i capelli o sfiorarci le labbra quasi per caso...graffiarci la schiena nuda... Mi è capitato di notare da parte sua una certa eccitazione fisica durante i nostri incontri ludici, cosa che da parte mia non manca praticamente mai. Di questo lui si è accorto e spesso, assorto davanti alla TV poggia le sue gambe "su" di me e si stroffina fino a farmi eccitare appoggiando le sue gambe proprio sopra il mi pene. A questo però si oppone l'altra sua faccia, spesso, nonostante la contiguità fisica che caratterizza il nostro rapporto commenta le immagini di ragazze in tv, quasi a voler prendere le distanze da me, anzi penso che spesso lo faccia proprio per quello, tuttavia, quando io mi allontano, evitando di sfiorarlo e di pensare alui, lui si riavvicina, mi carezza le mani o gioca con i miei polpastrelli. Inoltre ha una ragazza con la quale non si vede molto. Insomma cosa devo pensare? non ho il coraggio di dirgli tutto quello che penso, perchè ho paura che neghi l'evidenza fino a rifiutare la mia amicizia di per se, penso inoltre che avrebbe delle forti pregiudiziali ad amettere una sua eventuale omosessualità. Aspetto con speranza una risposta.
Sandro.

L'intimità da lei descritta è senz'altro molto fortemente venata di omosessualità e va oltre il cameratismo fra due ragazzi "etero" che vivono insieme. Può darsi comunque che, come lei scrive, il suo compagno non voglia ammettere questo fatto e che non si riconosca una latente parte omosessuale. Penso quindi che l'unica cosa che lei può fare è correre qualche rischio: quanto dipende da lei. Può intanto cominciare a parlare di sè e del suo essere gay e confrontarsi con lui: comunicare il suo vissuto servirà a lei per misurarsi ed accettarsi ed anche a vagliare, almeno indirettamente, la posizione del suo amico.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni