Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Omosessualità (004434)

on . Postato in Sessualità | Letto 5 volte

Calipso, 20 anni

Gentile dottore, le scrivo perchè sono ormai tre mesi che sono assillata da un pensiero fisso: quello di essere attratta dalle donne. Sin da piccola mi sono sempre sentita meno femminile delle altre per il fatto di trovarmi meglio in compagnie maschili e di amare giochi comunemente destinati ai maschietti (macchinine, videogiochi...). Nell'adolescenza sono sempre stata attratta dai ragazzi e mai mi è venuto in mente che mi potesse interessare il mio stesso sesso. Al liceo avevo tante amiche(di cui ho perso i contatti), nei confronti delle quali avevo sempre quel senso di inferiorità, di sentirmi meno femminile, perchènon mi interessavano il trucco o lo shopping. E ho sempre continuato ad avere un'attrazione fortissima per il sesso maschile.
A 17 anni ho avuto la mia prima esperienza sessuale con un ragazzo. Ho poi avuto altre storie prima dell'attuale ragazzo, di cui sono gelosissima. Per gelosia guardo le altre ragazze di cui mi sento sempre inferiore, soprattutto a livello fisico. Un giorno parlavo con lui di masturbazione e mi sono accorta di essere gelosa anche delle sue fantasie. Iniziai ad avere delle fantasie un pò particolari...immaginavo lui con un'altra e...io con una donna. Queste immaginazioni mi eccitarono e mi spaventai.
Pochi giorni dopo andai in un locale con i miei unici 2 amici e, non so se per suggestione di ciò che avevo immaginato sere prima,t rovai la cameriera carina e dolce, insomma mi colpì e cominciai a credere di esserne attratta. Da allora ho iniziato a fare fantasie su donne per capire se mi piacevano (a volte il pensiero mi piaceva, altre no), e a guardare tutte quelle che passavano in strada, sempre per capire. E da allora mi agita e imbarazza qualunque ragazza.
In realtà non ho più amiche e non sono più abituata a rapporti stretti con loro. Capita poi, che vada a ricordare episodi del passato per convincermi che anche un'eventuale bisessualità (non penso ad altro perchè gli uomini mi piacciono molto ed ho una vita sessuale soddisfacente) non sia nata così all'improvviso. Ricordo che a circa 15-6 anni, quando nella palestra della scuola le mie compagne si spogliavano, avevo un pò di agitazione, o anche quando la mia migliore amica mi appoggiava la testa sulla spalla. Mi sentivo imbarazzata perchè farle tenere la testa appoggiata mi sembrava, da parte mia, un atteggiamento maschile. Ma verso di loro non ho mai provato altro che sinceri sentimenti di amicizia. Avendo un amico gay ho frequentato, tempo fa, anche ragazze lesbiche, dalle quali non mi sentivo per niente attratta.
Tutto è cominciato da un'idea, ma ora ogni volta che esco ho degli attacchi d'ansia perchè ho paura di incrociare le donne. Non ho mai fatto sogni erotici omosessuali, nè li faccio da quando penso a tutto questo. Ho solo paura di instaurare rapporti con le donne perchè ho paura di scoprire che mi piacciono o di innamorarmi o che so io...Non so che fare. Non riesco più a studiare e a coltivare i miei interessi. Aspetto ansiosa una risposta, vivo in funzione del vostro parere. Ringraziamenti vivissimi.

Cara Calipso, il fatto di fare delle fantasie sessuali su persone del proprio stesso sesso, o di provare a volte attrazione è più frequente di quanto lei immagini, e non c'è nulla di anormale. Inoltre lei è molto giovane, forse il suo orientamento sessuale deve ancora stabilizzarsi. Con questo non voglio dirle che lei è omosessuale, o bisessuale (questo può saperlo solo lei).
Vorrei piuttosto tranquillizzarla. Forse il fatto di aver avuto un passato da maschiaccio potrebbe in qualche modo spiegare la situazione che sta vivendo: non avendo mai avuto molta dimestichezza con la femminilità, è possibile che lei, adesso che ha 20 anni, desideri essere più femminile, e non sappia come fare, e le sensazioni strane che sente nei confronti delle altre ragazze potrebbero essere dovute ad una sorta di identificazione.
Anche il fatto che lei frequenti praticamente solo ragazzi potrebbe contribuire a renderle un po' "alieno" questo mondo. Oppure è anche possibile che lei provi un'effettiva attrazione sessuale nei confronti delle ragazze, e senta il bisogno di provare un rapporto di tipo omosessuale. Le ripeto, non ci sarebbe niente di strano, in nessuno dei due casi. Ciò che posso suggerirle è innanzi tutto di non aver paura dei suoi pensieri e delle sue fantasie, perchè non sarebbe nascondendoli che potrebbe nascondere un'eventuale attrazione nei confronti di una ragazza. Li lasci andare, sono solo pensieri e fantasie e non possono far male né a lei né a nessun altro.
Inoltre le suggerisco di chiarire i suoi dubbi consultando uno psicologo od un sessuologo. Può rivolgersi con fiducia al consultorio della sua città, dove ci saranno sicuramente dei professionisti preparati a darle l'aiuto di cui ha bisogno. Molti auguri.


( risponde la dott.ssa Serena Leone )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Abuso narcisistico in famiglia…

Apocalisse, 38     Cinque anni fa ho perso mia madre di un grave e raro tumore all'intestino. La sua perdita ha generato un totale disfacimento ...

La danza, da passione a ladra …

Francesca, 29     Buongiorno,all'età di 7 anni ho iniziato a frequentare un corso di danza classica, amatoriale, da quel momento non ho mai più s...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters